NEWSLETTER SULLA ZONA 5

Resoconto del Consiglio di Zona 5

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

www.lucagandolfi.it

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 15 maggio 2008 

 

orario di convocazione: 18.30

inizio formale effettivo alle ore: 18.36

 

 

 

Appello: 21 presenti: 12 su 16 del centrosinistra / 9 su 25 del centrodestra

[altri consiglieri arrivano poi nel corso della serata]

 

 

Il Presidente del C.d.Z. 5 nomina gli scrutatori:

Italiano (D), Sarina (LN), Garufi (PRC)

 

 

 

 

Punti rimasti da o.d.g. del C.d.Z. 5 del 08.05.2008

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA PRESIDENZA 

 

17 - Mozione Consigliere Sarina problematiche Casa Gialla: il consigliere Sarina (LN), estensore e primo firmatario della mozione, svolge il ruolo di relatore e illustra i contenuti della mozione.

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

questa è una mozione sottoscritta da 24 consiglieri, quindi urgente e come tale andava discussa in coda a due consigli fa. In quel frangente c’è stata una condivisione di intenti per trattarla nel Consiglio successivo, ma andava iscritta come primo punto dello scorso Consiglio e non tra gli ultimi. Ce la ritroviamo invece dopo due Consigli. Non è un modo corretto di operare. Richiamo al rispetto dei regolamenti, come diranno poi alcuni colleghi in modo più circostanziato.

Per quanto concerne i contenuti va bene, il mio gruppo l’ha sottoscritta fin da subito. Voteremo a favore.

 

Pavoni (PD):

ha sottoscritto la mozione ma da lettura più attenta vorrebbe un’integrazione del testo della mozione. Era presente la sera del C.d.Z. 5 straordinario sulla casa gialla in cui era emersa anche una esigenza di un supporto socio assistenziale. Lo stesso assessore si era detta disponibile a mettere delle risorse in tal senso. Nel testo si nomina un tentato stupro che però non è riconducibile ai frequentatori della struttura.

Presenta un emendamento per modificare e integrare una parte del testo aggiungendo un terzo punto di carattere socio assistenziale.

 

Angiulli (PS):

come diceva Pavoni nella serata del Consiglio straordinario non si chiedeva solo l’intervento delle Forze dell’Ordine, ma lo stesso assessore si era espressa a favore di un intervento socio assistenziale. Qualcuno quella sera ha strumentalizzato il tema della sicurezza. Evitiamo di strumentalizzare ora la mozione. Voterà a favore con l’aggiustamento proposto da Pavoni.

 

Brusatori (PS):

al centrodestra dice che lo sconvolge che alcuni problemi prima li si creano e poi li si cavalca per poi intervenire come i salvatori.

Si portano avanti male i problemi e non li si risolvono. Il C.d.Z. straordinario è stato strumentalizzato.

 

Croce (PRC):

su certi problemi c’è una specie di schizofrenia della Giunta. Prima agisce in un modo e poi torna indietro.

Condivide emendamento di Pavoni. Integra e rende più equilibrata la mozione. Questa è una situazione soprattutto di disagio sociale. Certo manca anche un controllo di chi viene. Lì il problema è di strutture collaterali mancanti. Un po’ quello che accadeva nella precedente sede in centro. Evitiamo di lasciarle per strada in attesa che gli venga dato il pasto. Queste iniziative vanno gestite meglio. Per questo l’emendamento è utile. Presenta un emendamento per modificare un passaggio della mozione.

 

Garufi (PRC):

condivide la mozione con l’aggiunta richiesta da Pavoni.

C’è speculazione sulla sicurezza. Insieme alla repressione occupiamoci dei problemi di chi non ha da mangiare. Da sempre Milano è amministrata dalla destra. Ma i problemi di povertà ci sono anche dove governa la sinistra. Cosa facciamo per i poveri? Affrontiamo il problema. Nella mozione devono essere affrontati tutti e due i problemi altrimenti non la vota.

 

Zolla (AN):

visto l’intervento di Garufi ritiene necessario intervenire. Gli pare un discorso strumentale. Si da la colpa alla destra per l’aumento della povertà. È falso. Non esistono città in cui la povertà non esista. Milano, governata dal centrodestra, si può vantare che investe di più in servizi sociali, il doppio di Roma e Torino. Condivide che ci si occupi dei poveri.

 

Bove (FI):

la povertà è una condizione in cui i cittadini ci si possono trovare e compito dello Stato è quello di aiutare queste persone a superare quella condizione. Se a Milano esistono dei poveri è necessario che il Comune intervenga. Bisogna aiutare i cittadini italiani poveri; se non sono italiani l’unica soluzione praticabile è quella di rimandarli a casa loro.

 

Berdot (SD):

in questo tipo di mozione le da fastidio il pensare che le situazioni di disagio che possono avere alcune persone vogliano distinguere in base alla nazionalità. Si chiede maggiore sicurezza nella mozione. In realtà è un problema di percezione dell’insicurezza e voi soffiate sull’insicurezza e pensate che vadano tutte risolte con l’ordine pubblico. Bisogna investire soldi nelle periferie con progetti di aggregazione e per far vivere il territorio. Si parla della paura anche quando non ci sono fatti di reato. Ora toccherà a voi gestire il problema.

 

Sarina (LN) (estensore e primo firmatario) (replica):

la campagna elettorale è finita. Non vuole perdere ulteriore tempo. Non spostiamo la questione. L’elettorato si è espresso.

Per quanto concerne la mozione ha visto gli emendamenti che condivide perché aggiungono qualcosa che nel testo non c’era. Ma non c’era per una scelta. Quello che chiede la mozione è una richiesta semplice e logico che può essere facilmente adottato. E può essere anche di aiuto per affrontare molte problematiche del quartiere. Nella mozione non si fa menzione di etnie.

Lui non ha problemi ad accogliere gli emendamenti, basta che non stravolgano la mozione. Però chiede che vengano messi in votazione.

 

 

Si vota emendamento Pavoni:

27  Favorevoli:  PD, SD, PRC, PS, V, IdV, UDC, AN, LN, FI, D

1  Contrari:  Bove (FI)

4  Astenuti:  Ferrari Bramati Mondi Passavanti (FI)

APPROVATA

 

 

Si vota emendamento Croce:

27  Favorevoli:  PD, SD, PRC, PS, V, IdV, UDC, AN, LN, FI, D

1  Contrari:  Bove

2  Astenuti:  Ferrari Bramati (FI)

APPROVATA

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Bramati (FI):

voterà a favore nonostante i due emendamenti presentati e approvati. Motiva l’astensione ai due.

 

Brusatori (PS):

voterà a favore perché parzialmente positiva. Considera negativo che la Commissione Servizi Sociali non se ne sia occupata.

 

Bramati (FI) (per f.p.):

falso che la Commissione non ha trattato il tema di carattere generale. Nello specifico della casa gialla si è parlato sul piano freddo.

 

 

Si vota:

34  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, PD, SD, PRC, PS, V, IdV

0  Contrari: 

1  Astenuti:  Esposto (PD)

APPROVATA

 

 

 

 

 

18 - Mozione del Consigliere Brusatori sul contratto di Quartiere Gratosoglio: il consigliere Brusatori (PS), estensore e primo firmatario della mozione, svolge il ruolo di relatore e illustra i contenuti della mozione.

Il CQ2 Gratosoglio va avanti in modo non regolare. Il Presidente del C.d.Z. 5 e quello della Servizi Sociali vanno agli incontri che parlano solo di edilizia.

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Bramati (FI):

sul principio espresso è favorevole, meno nei contenuti. I CQ2 usano fondi statali su bandi regionali su progettazione precisa. Quindi è inesattezza che noi possiamo fare quello che vogliamo con i milioni di euro in eccedenza.

In Commissione ha invitato sia i referenti del Laboratorio di Quartiere che è l’organo designato per accompagnare il CQ2 Gratosoglio. Questo Consiglio ha la facoltà di inserire delle proposte da ascolto del territorio. Si stupisce che si citino solo alcune Commissioni e non altre. Per correttezza istituzionale propone emendamento che citi tutte le Commissioni competenti. Presenta un emendamento.

 

Angiulli (PS):

sul CQ2 Gratosoglio ci sono i capitolati separati per varie parti del quartiere. Alcuni aspetti riguardano tutto il quartiere, altri solo alcune parti.

Quando sono stati presentati i progetti una parte di questi ha dovuto attendere per avere i finanziamenti. Dobbiamo essere tutti messi a conoscenza di come va avanti il CQ2 Gratosoglio. Dobbiamo fare in modo che i soldi vengano spesi bene per il recupero del quartiere. Il Presidente del C.d.Z. 5 e quello della Commissione Servizi Sociali che partecipano alle riunioni del Comitato per l’Attuazione del CQ2 Gratosoglio devono informarci.

 

Esposto (PD):

condivide la mozione. Possiamo operare perché siamo più vicini al territorio ma poi non vede il punto di incontro con le istituzioni di grado più elevato. Noi facciamo delle richieste, ma le risposte tardano a venire.

 

Gandolfi (IdV):

mi congratulo sul fatto che si è intrapresa finalmente la strada giusta sul fatto di iscrivere all’ordine del giorno le mozioni dell’opposizione che giacciono da troppo tempo in attesa di essere discusse.

Nel merito della mozione ha alcune osservazioni da fare. Nulla da eccepire sulla prima parte della mozione dove si fa una relazione che descrive bene la situazione del Gratosoglio e del CQ2 Gratosoglio, uno stato di fatto che non si può non condividere.

Quando però arriviamo alla parte finale, cioè a quella che dovrebbe essere la parte propositiva, il “si chiede”, mi pare che manchi qualcosa.

La prima richiesta che viene formulata chiede di fatto di votare qualcosa che è già previsto dai Regolamenti vigenti. Qualcosa che c’è già, quindi è superfluo chiederlo se c’è già. Il C.d.Z. 5 può sempre proporre sulle aree di propria competenza qualsiasi cosa, compresi dei progetti pubblici, è sufficiente che deliberi in tal senso, fermo restando che si tratterebbe di una delibera blu, quindi non vincolante. Non c’è bisogno di fare una mozione per dire una cosa che è già prevista dal Regolamento del Decentramento. Questa mozione è assolutamente vuota, perché non propone nulla che non sia già scritto nel Regolamento vigente. Se voleva avere una qualche utilità doveva dire quali progetti proponeva per le cifre a disposizione in eccedenza dal CQ2 Gratosoglio. Va bene come discorso di principio, ma cerchiamo di dargli anche dei contenuti, altrimenti è inutile. Da una mozione sul Gratosoglio mi aspettavo delle proposte politiche concrete, dei contenuti, ma qui in questo testo non ci sono.

Per quanto concerne il parere sul CQ2 Gratosoglio questo Consiglio lo ha già dato anni fa, non capisco di quali “pareri preventivi” si chieda di dare ancora.

Semmai bisogna chiedere che la Commissione Casa si decida a riunirsi e a seguire passo dopo passo i lavori del CQ2 Gratosoglio. Ma tra le Commissioni menzionate e a cui è indirizzata la mozione manca proprio la Commissione Casa, cioè quella che ha più diretta competenza sul CQ2 Gratosoglio. Una Commissione che però in più di un anno e mezzo di vita si è riunita solo un paio di volte dimostrando lo scarso interesse che la maggioranza ha nei confronti del problema casa e dei quartieri popolari come il Gratosoglio e lo Stadera, che sono assai problematici e meritano attenzione.

Condivido quindi gli auspici portati avanti dalla mozione, ma ritengo che la mozione non proponga nulla e che l’impostazione della stessa vada completamente rivista. Chiedo quindi che venga rinviata nelle Commissioni competenti per costruire un testo condiviso e che proponga qualcosa di concreto e di utile per i cittadini. Se il testo rimane così come è, il mio gruppo non lo voterà.

 

Croce (PRC):

veri alcuni aspetti che ha detto Gandolfi. Vero che mancano proposte politiche concrete nella mozione. Lui però la legge come un invito perché il C.d.Z. si prenda delle prerogative che sono sue. La legge come uno stimolo in questo senso. Di prenderci i nostri diritti e doveri. È una opportunità: ci sono dei soldi già stanziati che non vorrebbe venissero sprecati. Pur con dei limiti, trova condivisibile la mozione.

 

Brusatori (PS) (estensore, primo e unico firmatario) (replica):

sull’emendamento di Bramati lui aggiungerebbe anche altre Commissioni. La Commissione Casa non l’ha messa per polemica sul fatto che non si riunisce mai.

Purtroppo il CQ2 ha un grosso difetto: ha finanziato solo interventi edili. Ci sono già stanziati alcuni fondi per un piano ambientale, per campi giochi per bambini, ma mancano progetti per animare questi spazi. Sarebbe utile prendere in mano le proposte sociali. Sono cambiati molti punti originali del CQ2 Gratosoglio. Forse bisognerebbe modificare anche il piano ambientale.

Il Laboratorio di Quartiere non si riunisce più da febbraio di quest’anno. I soldi ci sono, i progetti pure, ma i lavori sono in ritardo. È opportunità per tutti.

 

Presidente C.d.Z. 5:

accoglie emendamento di Bramati con aggiunta di Commissione Verde.

 

 

Si vota:

32  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, PD, SD, PRC, PS, V, IdV

0  Contrari: 

3  Astenuti:  IdV, Mondi Zucco (FI)

APPROVATA

 

 

 

 

 

-------------------------FINE o.d.g. del C.d.Z. 5 del 08.05.2008-----------------------

 

 

Punti da o.d.g. del C.d.Z. 5 del 15.05.2008

 

 

 

 

1 - Approvazione dei verbali delle precedenti sedute (art. 69, comma 3 e seguenti, Reg. Consiglio Comunale): il Presidente del C.d.Z. 5 illustra il punto.

Vengono tacitamente approvati i Verbali:

n° 62 del 17.04.2008

Si astengono i seguenti consiglieri: Gandolfi 

 

 

 

 

 

2 - Comunicazioni dei Consiglieri:

[Mozioni e interrogazioni da parte dei Consiglieri di Zona ai sensi dell’articolo 11 del Regolamento sul Decentramento e degli articoli 11, 12, 13 del Regolamento Interno]:

 

Brusatori (PS):

- presenta una ISTANZA avente per oggetto “Protesta formale per mancanza di rispetto dei Regolamenti su molti aspetti” (sottoscritta da alcuni consiglieri di opposizione)

- presenta una MOZIONE avente per oggetto “Sui campi gioco del Gratosoglio fuori norma

 

Angiulli (PS):

intervento solo verbale: ricorda che tempo fa ha presentato una ISTANZA a cui non ha ancora ricevuto risposta. Sul giornale di zona legge una risposta di un consigliere che il Presidente C.d.Z. 5 non ha ancora dato.

 

Decensi (PD):

- presenta una ISTANZA avente per oggetto “Richiesta di recintare il parco giochi del Lotto 170

 

Gandolfi (IdV):

lamenta che il Presidente del C.d.Z. 5 dopo aver letto in Consiglio una lettera rivolta al Presidente della Commissione Bilancio, non abbia fornito ancora il testo scritto.

informa che sono pervenute delle RISPOSTE ad alcune sue precedenti ISTANZE:

- è arrivata in data 29.04.2008 tramite e-mail la RISPOSTA dell’Assessore Arredo, Decoro Urbano, Verde relativa all’ISTANZA con oggetto “Riqualificazione e sistemazione dei giardinetti pubblici di via Don Rodrigo. Vedi precedente ISTANZA con analoga richiesta (P.G. 1372.115/2003 del 17/04/2003)” (P.G. 275151/2008 del 28/03/2008). Legge la risposta.

 

De Allegri (SD):

intervento solo verbale: ricorda che tempo fa ha fatto una segnalazione verbale su cui esiste anche una ISTANZA del consigliere Gandolfi sulle strisce pedonali sbiadite. Sollecita attenzione sul tema.

 

Esposto (PD):

- presenta una INTERROGAZIONE avente per oggetto “Se vera la voce secondo cui il Comune di Milano vuole mettere un servizio di vigilanza nei parchi utilizzando agenti della Polizia Locale

 

 

 

 

 

3 - Comunicazioni del Presidente:

1)    9 maggio era in Commissione Navigli in Zona 6 che ha approvato il programma delle manifestazioni;

2)    9 maggio assistito a spettacolo al Centro Asteria della manifestazione sul territorio;

3)    10 maggio alla Forza e Coraggio;

4)    Il 10 maggio ha avuto incontro con l’assessore sempre sul tema dei Navigli e dell’Isola Pedonale;

5)    Oggi in via Beccaria per discutere sul parcheggio Abbiategrasso che si farà;

6)    17 maggio ci sarà incontro in Sala Alessi sui giornali di zona;

7)    18 maggio siamo invitati alla festa di via Ripamonti al cui interno c’è una mostra fotografica;

 

 

 

Presidente C.d.Z. 5:

errore in prossima delibera: è proposta solo della Commissione Educazione.

 

 

 

PROPOSTE DELLE COMMISSIONI COMGIUNTE: EDUCAZIONE, SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA - SPORT E TEMPO LIBERO

 

4 - Indirizzi per l'assegnazione di contributi da erogare per lo svolgimento di attività sociali, educative e ludico ricreativo nel periodo estivo 2008 a favore di ragazzi di età tra i 6 e i 14 anni  - Immediatamente eseguibile: il Presidente della Commissione, Bramati (FI), illustra il punto. Quest’anno riguarda solo la Commissione Educazione. È errore in o.d.g., non è iniziativa congiunta con la Sport.

È Bando di assegnazione di 15.000,00 euro IVA compresa di contributi

La Commissione in data 12.05.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Berdot (SD):

in Commissione aveva chiesto altre cose che non trova nel testo.

Ci sono passaggi troppo generici. Interessanti i passaggi aggiunti. Visto che poi la selezione viene fatta dagli uffici chiede che poi motivino con una relazione le ragioni delle scelte operate. Dovremmo essere noi a entrare nel merito delle scelte e in questo modo rinunciamo al nostro ruolo. L’anno scorso le società sportive non hanno avuto il finanziamento e non sappiamo il perché.

Nei criteri voleva che si desse un punto in più a chi non ha avuto altri aiuti o finanziamenti comunali. Giusto aiutare le associazioni che fanno questo lavoro e non hanno finanziamenti comunali. Chiede che la selezione tenga conto di questi fattori.

 

Gandolfi (IdV):

In Commissione mi ero astenuto perché la formulazione del punto 1 sulla qualità mi lasciava delle perplessità ed era stato annunciato che sarebbe stato modificato in base alle indicazioni sorte in Commissione. Il punto è stato effettivamente modificato e migliorato, ma la perplessità che avevo espresso in Commissione sul fatto che dovesse essere chiaro che la “diversificazione e varietà di contenuti” delle iniziative o attività dovesse essere un valore aggiunto da stimolare e non un criterio vincolante non mi pare risolto. Pertanto presento un emendamento che mantiene il senso di quanto presente nel testo e risolve il problema che ho sollevato.

Presenta emendamento Gandolfi 1 in cui propone la modifica/sostituzione del testo del punto 1 nella prima pagina con la seguente formulazione:

“1. Qualità delle attività/iniziative programmate con particolare riferimento a quelle che rispondono alle esigenze emerse in sede di Commissione che sono le seguenti:

·         Aiuto allo studio per i compiti delle vacanze;

·         Forme aggregative tese al contrasto al bullismo;

·         La diversificazione e la varietà dei contenuti delle attività/iniziative rappresenta un valore aggiunto particolarmente apprezzato.” 

 

Decensi (PD):

ha cambiato la sua posizione rispetto alla Commissione e ora è a favore. Lei propone di invitare prima i possibili fruitori del bando per valutare noi la loro offerta. Non condivide che si dica aiuti dei compiti delle vacanze, sono le vacanze.

 

Brusatori (PS):

oggi leggeva la notizia della ragazzina uccisa che aveva tre amanti. Il problema del bullismo esiste. Bisogna affrontare il problema che è originato dalla società.

 

Angiulli (PS):

questi problemi li avevamo già affrontati in Commissione. Avevamo chiesto di fare una relazione per capire meglio il problema. Evitiamo che i ragazzi vadano in mezzo a una strada ed evitare così il bullismo. Chiede di modificare la questione del numero dei 50 bambini e renderlo più flessibile. Abbassiamo quel numero. Voterà a favore.

 

Croce (PRC):

voterà a favore, ma ha perplessità sulla scelta della modalità del Bando. Con delibere specifiche abbiamo dato forse maggiore aiuto su questioni specifiche. Magari aiutando attività meritorie. Un intervento diretto ci avrebbe permesso di premiare meglio le situazioni più meritorie e che entrasse nel merito. Così invece si delegano le scelte con ragioni burocratiche.

Invece di porre in chiave negativa il finanziamento, avrebbe espresso meglio quali premiare.

Sottolinea inoltre un problema di dicitura sulla cifra.

 

Lombardelli (PD):

ha letto il Bando allegato. La diversificazione e il numero degli utenti è ciò che discrimina e crea poche opportunità per le associazioni della zona. Le uniche strutture che rispondono a questi criteri sono gli oratori. Altra discriminante è quella sulla diversificazione che è quella che l’anno scorso ha eliminato le associazioni sportive. Per valorizzare le associazioni che svolgono queste attività tutto l’anno bisogna togliere il limite delle 50 persone.

 

Fumagalli (PD):

era fermo alle vecchie forme di deliberazione in cui si vedevano le iniziative. Quello che lo ha lasciato perplesso è il Bando allegato. La scelta finale viene però lasciata agli uffici amministrativi, togliendo a noi il ruolo politico. Il Bando costringe a dire tutto il programma. Inoltre 15.000 euro sono pochi.   

 

Bramati (FI) Pres. Comm. (replica):

i contributi pubblici sono normalmente attribuiti con i Bandi.

L’anno scorso hanno usufruito due parrocchie, gli Scout, l’Impronta, l’Asteria e altri. Chi opera sul territorio.

La contestazione fatta gli pare di lana caprina. Il Bando è pubblico. I 15.000 euro è una stima in base all’esperienza dell’anno scorso.

Lui adotta il Bando per evitare di decidere a chi dover dare i fondi, ma privilegiando gli aspetti che vuole sostenere. Col Bando evidenzia il principio.

Sul volontariato: l’anno scorso ha battagliato con gli uffici per farlo inserire. Non sostiene che volontario è bello, anche la professionalità è un valore da riconoscere.

Su emendamento Gandolfi, per lui la diversificazione è un valore discriminante e di qualità. È fattore sostanziale per lui. Quindi respinge emendamento.

Su emendamento Angiulli sul numero dei ragazzi lo ritiene opportuno così com’è.

 

 

Si vota emendamento Gandolfi:

11  Favorevoli:  IdV, PRC, PS, V, Esposto Lombardelli Fumagalli Pavoni (PD), De Allegri (SD)

17  Contrari:  FI, AN, LN, D, Beghi (UDC)

4  Astenuti:  Decensi Muzzana (PD), Berdot (SD), Morana (UDC)

RESPINTO

 

 

Si vota delibera:

26  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, PS, V, PRC, Pavoni Fumagalli Decensi (PD)

0  Contrari: 

6  Astenuti:  IdV, SD, Muzzana Lombardelli Esposto (PD)

APPROVATA

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE CULTURA MANIFESTAZIONI ED IDENTITÁ

 

5 - Contributo Associazione "Anima Nera" per progetto "Or Funny" - Immediatamente eseguibile: il Presidente della Commissione, Bove (FI), illustra il punto.

Spettacolo teatrale da tenersi presso il Teatro Ringhiera in data 28 giugno, ingresso gratuito.

Stanziata una spesa massima di 2.000,00 euro IVA compresa di contributi

La Commissione in data 29.04.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Nessun intervento

 

 

Si vota:

23  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, PD, PRC, V, IdV

0  Contrari: 

5  Astenuti:  PS, SD, Esposto (PD)

APPROVATA

 

 

 

 

 

 

6 - Contributo per organizzazione di eventi di intrattenimento musicale presso il Centro Sportivo Forza & Coraggio - Immediatamente eseguibile: il Presidente della Commissione, Bove (FI), illustra il punto.

Tre serate:

-      6 giugno serata dedicata ai successi di Battisti;

-      14 giugno serata “canzonissima” dedicata ai nuovi talenti;

-      24 giugno serata latino americana.

Ingresso gratuito.

Stanziata una spesa massima di 3.500,00 euro IVA compresa di contributi

La Commissione in data 29.04.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Garufi (PRC):

Forza e Coraggi fa iniziative meritevoli, ma ora addirittura fa iniziative culturali. Cadiamo in basso se fa cultura la Forza e Coraggio. È contrario.

 

Gandolfi (IdV):

guardo al contenuto dell’iniziativa: tre serate che offrono un’occasione di aggregazione e di svago gratuito ai cittadini della nostra zona. Il costo a carico del C.d.Z. 5 è contenuto. Parere favorevole e non potrebbe essere diversamente.

 

Berdot (SD):

fa notare che ieri si parlava di cultura milanese e si avevano dubbi sul fatto che la gente ci vada.

 

Bove (FI) Pres. Comm. (replica):

ha apprezzato l’iniziativa proposta. La cosa interessante è che c’è momento di aggregazione e gratuito. Ha accolto con entusiasmo l’iniziativa. Momento aggregativo per i giovani.

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Angiulli (PS):

voterà a favore. Ma facciamo anche iniziative meridionalistiche.

 

Croce (PRC):

la solita perplessità. In Commissione non si è entrai nel merito, perché non c’è stato tempo per il dibattito. Non ha potuto chiedere cose determinanti, cioè se c’è biglietto di ingresso. Si asterrà.

 

 

Si vota:

24  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, IdV, PS, Decensi Pavoni Lombardelli (PD)

1  Contrari:  Berdot (SD)

6  Astenuti:  PRC, De Allegri (SD), Esposto Muzzana (PD)

APPROVATA

 

 

 

 

7 - Contributo Lombardia Festival spettacolo di teatro poesia e musica presso Quintosole - Immediatamente eseguibile: il Presidente della Commissione, Bove (FI), illustra il punto.

Spettacolo di teatro, poesia, musica da svolgersi presso la Chiesa di Santa Maria Assunta in Quintosole nel mese di giugno. Brani tra il sacro e il profano sulla milanesità. Ci sono anche brani con radici meridionali in altre iniziative.

Stanziata una spesa massima di 2.880,00 euro IVA compresa di contributi

La Commissione in data 07.05.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

in questo caso viene finanziato esattamente l’80% del costo dell’iniziativa, cioè il massimo possibile quando si utilizzano i contributi. Tutti a carico della Commissione Cultura, come specificato nel testo della delibera nella prima pagina, anche se sarebbe meglio se ciò risultasse anche nel punto 1 dopo la dicitura “Delibera” in modo da risultare facilmente individuabile, come del resto è stato fatto per la delibera precedente. Chiedo che anche questa delibera adotti la medesima dicitura della precedente all’interno del punto 1.

L’iniziativa è condivisa e i costi contenuti. Parere favorevole.

 

 

Si vota:

27  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, SD, PRC, V, PD, PS, IdV

0  Contrari: 

2  Astenuti:  Esposto Muzzana (PD)

APPROVATA

 

 

 

 

 

8 - Contributo ARCI Bellezza per messa in scena dell'opera poetica "Voilà que tu" - Immediatamente eseguibile: il Presidente della Commissione, Bove (FI), illustra il punto.

Spettacolo a ingresso gratuito da svolgersi presso il Teatro Ringhiera nel mese di giugno. Ok a iniziative dell’ARCI quando fatte al di fuori delle strutture dell’ARCI che è politicamente schierato. L’ARCI è asservito ad un partito politico. Non ritiene opportuno che si facciano iniziative all’interno di una struttura schierata con un partito politico che non è certo il suo.

Stanziata una spesa massima di 3.360,00 euro IVA compresa di contributi

La Commissione in data 29.04.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Brusatori (PS):

Bove deve stare attento perché in Italia ci sono delle leggi che consentono libertà politiche. Fa discorsi assurdi.

 

Gandolfi (IdV):

Stucchevole e fuori luogo il pistolotto del Presidente della Commissione Cultura sulla supposta colorazione politica dell’ARCI. In Commissione addirittura Bove ha detto che l’ARCI è una sede di partito, venendo poi smentito non solo da consiglieri di opposizione ma addirittura da consiglieri di maggioranza.

L’importo erogato in contributi è tutto a carico della Commissione Cultura, come specificato nel testo della delibera nella prima pagina, anche se sarebbe meglio se ciò risultasse anche nel punto 1 dopo la dicitura “Delibera” in modo da risultare facilmente individuabile, come del resto è stato fatto per la delibera sulla Forza e Coraggio. Chiedo che anche questa delibera adotti la medesima dicitura all’interno del punto 1 dopo la dicitura “Delibera”.

L’iniziativa è condivisa, lo spettacolo è a ingresso gratuito per la cittadinanza e i costi per il C.d.Z. 5 sono contenuti. Parere favorevole.

 

Angiulli (PS):

invita Bove a fare le sue sparate a casa sua e in sede istituzionale sia serio. Eviti le provocazioni. Noi votiamo in base alla validità delle iniziative.

 

Bramati (FI):

iniziativa valida. Sul tema ARCI di cui si dibatte. Anche in Commissione ha fatto rilevare che non ci si può nascondere dietro un dito. Alcune associazioni per statuto son apolitiche, ma affrontano le problematiche con un taglio politico. Nello specifico aveva il suo stemma accanto alla bandiera di un partito di sinistra del passato (PDS). Gli è stato detto che ora quella bandiera non c’è più. È un problema di sensibilità istituzionale. Rilevato che ora non è più così ne prendiamo atto.

 

Zolla (AN):

qualcuno per l’ennesima volta tenta di fare scuola di condotta al centrodestra. Prima di commentare gli altri guardatevi allo specchio. Sono state dette delle cretinate senza limiti.

Guardiamo alle iniziative. Ma partiamo da un fatto innegabile: le associazioni ARCI hanno avuto un ruolo nella campagna elettorale. Contatevi e guardate quanti sono i consiglieri presenti a votare questa iniziativa. Questo è significativo.

 

Decensi (PD):

si stupisce come vengono permesse queste situazioni. Queste accuse false che vengono dette andrebbero smentite. Vorrebbe capire cosa volevano dire Bove e Bramati con i loro interveti. Noi siamo per il pluralismo culturale. L’ARCI è un posto bellissimo. Bramati ha finanziato una mostra su San Bernardo. Anche questo è schierato politicamente.

 

Croce (PRC):

non ha sentito parlare dell’iniziativa in oggetto da parte del Presidente.

A Zolla ricorda che molte volte la mancanza di numeri era da parte della maggioranza e grazie all’opposizione se è stato garantito il numero legale.

Di solito si vota a favore di iniziative che non hanno un particolare valore culturale. Strano che su queste iniziative si è sottolineato chi le presenta e non il contenuto dell’iniziativa. Se vogliamo discutere sul dna di chi organizza le iniziative allora ci sarebbe molto da dire in molti altri casi.

Potrebbe capire se l’iniziativa avesse un contenuto politico, ma non è questo il caso.

 

Bove (FI) Pres. Comm. (replica):

non è possibile che passi un’idea falsa. Non è vero che il centrodestra vuole cassare le iniziative dell’ARCI. È la terza iniziativa che approviamo. Se sono iniziative meritevoli le si porta in Commissione. Ma all’interno della struttura di queste associazioni i cittadini possono sentire un luogo asservito a una parte politica. Si se fatte nelle strutture della zona. Lamenta che si vuole tentare di mettere in ridicolo il Presidente della Commissione Cultura.

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Gandolfi (IdV):

voterò a favore, nonostante il discorso provocatorio del Presidente della Commissione Cultura. Non abbiamo bisogno di mettere in ridicolo il Presidente della Commissione Cultura, perché ci pensa da solo a rendersi ridicolo.

Se Bove afferma il principio che non si possono approvare iniziative in sedi asservite a una parte politica, allora mi attendo coerenza da parte di Bove a questo principio anche in tutte le altre iniziative che passeranno dalla Commissione Cultura.

 

[Bove abbandona l’aula e non partecipa al voto]

 

 

Si vota:

22  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, PD, IdV, SD, PRC, V, PS

0  Contrari: 

0  Astenuti: 

APPROVATA ALL’UNANIMITÁ 

 

  

 

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE URBANISTICA, EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA, T.T.V. 

 

9 - Esame e parere sulle domande di concessione edilizia:

9.1 - Via Tirso 6 – (vicino viale Ortles):

il Presidente della Commissione è assente, quindi il Presidente del C.d.Z. 5 Ferrari (FI), illustra il punto.

Fermati i lavori dopo una DIA 247753 del 13.03.2007. Ora chiedono concessione.

Recupero sottotetto. Svuotato dentro e realizzazione pilastri. Fanno 6 appartamenti.

Destinazione uso era sottotetto senza permanenza di persone.

Ora a piano terra 2 box. Poi fatti altri 6 appartamenti. Cambiano i prospetti di facciata.

76,91 mq in più rispetto a prima. Altezza del tetto non cambia, a cambia la forma del tetto.

Aumentano finestrature perché internamente viene fatto un piano in più.

La Commissione in data 12.05.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Nessun intervento

 

 

Si vota:

14  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D

7  Contrari:  SD, PRC, PS, V, IdV, Pavoni Lombardelli (PD)

1  Astenuti:  Decensi (PD)

APPROVATA

 

 

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: alle ore 21.24 circa, essendo esauriti i punti all’ordine del giorno, dichiara chiuso il C.d.Z. 5.

 

 

 

-----------------------------------

 

N.B.: qui di seguito riporto la corrispondenza delle sigle abbreviate con il corrispondente partito:

 

FI – Forza Italia

AN – Alleanza Nazionale

UDC – Unione Democratica Cristiana

LN – Lega Nord  

D - Gruppo misto "Destra"

PD – Partito Democratico  

SD - Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo

PRC – Rifondazione Comunista

LUDF – Lista Uniti con Dario Fo

V – Verdi

PS – Partito Socialista

IdV – Di Pietro Italia dei Valori

 

 

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail