NEWSLETTER SULLA ZONA 5

Resoconto del Consiglio di Zona 5

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

www.lucagandolfi.it

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 3 aprile 2008 

 

orario di convocazione: 18.30

inizio formale effettivo alle ore: 18.42

 

 

 

Appello: 23 presenti: 12 su 16 del centrosinistra / 11 su 25 del centrodestra

[altri consiglieri arrivano poi nel corso della serata]

 

 

Il Presidente del C.d.Z. 5 nomina gli scrutatori:

Morana (UDC), Caime (FI), Garufi (PRC)

 

 

 

 

 

1 - Approvazione dei verbali delle precedenti sedute (art. 69, comma 3 e seguenti, Reg. Consiglio Comunale): il Presidente del C.d.Z. 5 illustra il punto.

Vengono tacitamente approvati i Verbali:

n° 59 del 13.03.2008

n° 58 del 07.03.2008

Si astengono i seguenti consiglieri: Gandolfi, Garufi, Muzzana

 

 

 

 

 

2 - Comunicazioni dei Consiglieri:

[Mozioni e interrogazioni da parte dei Consiglieri di Zona ai sensi dell’articolo 11 del Regolamento sul Decentramento e degli articoli 11, 12, 13 del Regolamento Interno]:

 

Brusatori (PS):

- presenta una MOZIONE avente per oggetto “Tagliati alberi in via Feraboli/Baroni. Richiesta per il futuro di chiedere il parere del C.d.Z. 5” ricorda fatto precedente sempre al Gratosoglio (vedi interrogazione di Gandolfi del 2006)

Ricorda discorso di Tettamanzi

 

Gandolfi (IdV):

- presenta una ISTANZA avente per oggetto “Richiesta di apertura dei nuovi giardinetti pubblici di via Verro/Comisso e richiesta di spiegazioni per i ritardi nell’apertura degli stessi dopo la fine dei lavori

- presenta una ISTANZA avente per oggetto “Piste ciclabili in Zona 5: problemi vari in alcune di quelle esistenti” (piste ciclabili di via

 

Muzzana (PD):

- presenta una INTERROGAZIONE avente per oggetto “Mancata iscrizione ai lavori del Consiglio e Commissione della Mozione sul tram 3

 

Mondi (FI):

- presenta una ISTANZA avente per oggetto “Viabilità in piazza Agrippa

- presenta una PETIZIONE DI CITTADINI avente per oggetto “Su sopralluogo dell’ASL e rilievi fatti nell’area occupata del campo abusivo: ordinanza di obbligo alla proprietà di sgomberare la zona e bonificarla

 

 

 

 

 

 

 

3 - Comunicazioni del Presidente:

1)    28 marzo ha partecipato a Commissione consiliare su isola pedonale dei Navgli che sarà di 5 mesi;

2)    Partecipato a proiezione del dvd su Stadera;

3)    31 marzo partecipato ad assegnazione Expo 2015;

4)    31 marzo al Puecher a conferenza;

5)    2 aprile in Sala Alessi per presentazione un parco in comune e poi presentazione concerto di Baldan Bembo;

6)    Capigruppo il 10 dalle 18.00 a 19.00;

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLE COMMISSIONI COMGIUNTE: EDUCAZIONE, SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA - SPORT E TEMPO LIBERO

 

4 - Iniziativa insegnamento Rugby nelle scuole della Zona 5 - Immediatamente eseguibile: RINVIATO

 

 

 

 

 

5 - Iniziativa Parco Gioco Atletica - Immediatamente eseguibile: RINVIATO

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLE COMMISSIONI COMGIUNTE: EDUCAZIONE, SERVIZI SOCIALI, ASSISTENZA - SPORT E TEMPO LIBERO - CULTURA, MANIFESTAZIONI, IDENTITÁ

 

6 - Iniziativa pedalando in Zona 5 - Immediatamente eseguibile: RINVIATO

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE CULTURA, MANIFESTAZIONI, IDENTITÁ

 

7 - Patrocinio con contributo per iniziativa musicale presso l'Abbazia di Chiaravalle - Immediatamente eseguibile: il Presidente della Commissione, Bove (FI), illustra il punto.

Manifestazione denominata “Musica per le Abbazie 2008” organizzata dall’Associazione Musica Laudantes presso l’Abbazia di Chiaravalle in data 7 giugno 2008.

Stanziata una spesa massima di 2.000,00 euro di contributi IVA compresa

La Commissione in data 20.03.2008 e 28.03.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

l’iniziativa è interessante, il luogo scelto è idoneo per il tipo di rappresentazione, il costo è adeguato. Parere favorevole.

 

Brusatori (PS):

l’uso di certi termini da parte del Presidente di Commissione è esagerato. Atteggiamento anche in Commissione sbagliato. Non siamo noi a decidere cosa è cultura o cosa non lo è. La politica si inserisce nei vari settori schiacciando chi vi opera da anni.

Stufo di sentire cultura solo nelle Chiese e Abbazie. C’è sbilanciamento.

 

Bove (FI) Pres. Comm. (replica):

non vuole seguire sterili polemiche. La Commissione Cultura ha proposto iniziative di vario genere: mostre pittoriche, teatro, musica di vario genere, e altro ancora. La considera iniziativa di grande pregio. Contento che vi sia ampia partecipazione anche di alcuni consiglieri non di maggioranza. Suggerisce di vedere il film

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Angiulli (PS):

quando l’iniziativa è buona l’apprezziamo, ma non è solo merito del Presidente.  Per questo il gruppo PS si astiene.

 

Fumagalli (PD):

vota a favore. Il giro di concerti nelle abbazie esiste già da molti anni.

 

Garufi (PRC):

voterà a favore. Ma dispiaciuto per la personalizzazione fatta dal Presidente di Commissione. È frutto del lavoro collegiale.

 

 

Si vota:

26  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, IdV, PRC, V, SD, Pavoni Fumagalli Lombardelli Muzzana Decensi (PD)

0  Contrari: 

3  Astenuti:  PS, Esposto (PD)

APPROVATA

 

 

  

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE URBANISTICA, EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA, T.T.V. 

 

8 - Esame e parere sulle domande di concessione edilizia:

8.1 – Concessione edilizia relativa PII via Verro, Ferrari, Ripamonti, Alemanni:

il Presidente della Commissione, Caime (FI), illustra il punto. Comparto A del PII relativo.

Edificazione di 152 appartamenti in 7 corpi scala. Box su due piani interrati. Ci sono le cantine per ogni appartamento.

La Commissione in data 01.04.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Angiulli (PS):

non è un tecnico e lascia la parola al collega che è un esperto.

 

Brusatori (PS):

il progetto è figlio di PII che il C.d.Z. 5 ha votato in passato quando lui non era consigliere. Troppo spesso questi PII vengono analizzato troppo velocemente in Commissione. Gli appartamenti sono di dimensioni piccole o medie. Il progetto è ben fatto e di tipo moderno con certificato ambientale di classe B. dal punto di vista architettonico è ben fatto. Non è sua intenzione votare sempre contro a nuova edificazione. Ci sarebbero da abbattere case fatiscenti in zona da sostituire con nuove case fatte bene.

 

Gandolfi (IdV):

due livelli di considerazioni. Il primo riguarda il progetto e possiamo dire che si tratta del progetto di un bel quartiere residenziale per il quale verrà creata anche una nuova viabilità, sebbene su questo punto restino ancora degli aspetti non chiari. In Commissione ho chiesto se erano previsti nel progetto delle fonti di energia alternativa come pannelli fotovoltaici e mi è stato spiegato che è stata studiata un’area apposita dove poterli installare in modo che non risultino visibili.

Il numero dei parcheggi e box garantisce che non vi siano problemi di parcheggio. Sono previsti percorsi ciclopedonali.

Il secondo livello riguarda una questione importante, cioè se il comune ha studiato i servizi necessari al quartiere, e l’impatto di questo nuovo insediamento residenziale sulla viabilità e sul trasporto pubblico esistente e quali provvedimenti intenda prendere per adeguare il tutto alle nuove esigenze che emergeranno.

Per quanto riguarda il progetto il parere è positivo. Per quanto riguarda tutto quanto compete all’amministrazione in termini di servizi, trasporto pubblico e viabilità è impossibile esprimere una valutazione in quanto non ci sono stati forniti elementi sufficienti. Oso sperare che i settori comunali abbiano già fatto queste considerazioni, ma sarebbe utile che ne fossimo informati quando discutiamo di questi progetti, altrimenti la nostra valutazione è monca.

 

Garufi (PRC):

le case e il progetto sembra bello. Quando ha chiesto informazioni sulle strade la risposta non è stata chiara. Nel contesto c’è già un problema viabilistico. L’impatto renderà invivibile il contesto circostante.

Per queste mancanze deve dare un voto negativo.

 

Fumagalli (PD):

ci sono molti PII in quell’area. Dovremmo riprenderli e vederli. Alcuni prevedono edilizia popolare, un nuovo CAM e altre cose positive. Questa sera però parliamo di una licenza edilizia e dobbiamo dire si o no e se diciamo no lo dobbiamo motivare.

Diamo un parere su un bel quartiere ma di cui non sappiamo nulla sulla strada che lo collegherà al contesto circostante. Pr questo voterà contro.

 

Pavoni (PD):

Piano Integrato di Intervento si dovrebbero integrare nel contesto. Le obiezioni dei colleghi hanno fondamento. C’è un ritardo dell’amministrazione. Il progetto è bello e i privati hanno fatto bene il loro lavoro. Chi amministra Milano è in ritardo e non prevede lo sviluppo della città. In questo caso ci sono 26 alloggi di edilizia convenzionata. Bisognerebbe che vi fosse anche edilizia residenziale pubblica.

 

Berdot (SD):

le case progettate sono belle, ma in un contesto privo di un Piano Regolatore che viene sostituito dai vari PII. Abbiamo già visto quartieri nuovi sorti e rimasti isolati dal contesto. Quando escono di casa dove portano i bambini a scuola? Dove prendono i mezzi pubblici? Queste risposte non ci sono ancora. Questo obbliga gli abitanti a prendere la macchina e intasare il traffico. Tutti obbligati ad avere almeno un box. È questo lo sviluppo di Milano che vogliamo? Voteremo contro.

 

Caime (FI) Pres. Comm. (replica):

ricorda che abbiamo visto insieme i vari PII, in particolare quello di via Antonini. Su quest’area ci sono o ci saranno una decina di PII in atto. Alcuni di questi PII li abbiamo visti di recente. Abbiamo già visto il comparto B e i loro oneri di urbanizzazione.

Nella passata consigliatura erano venuti dei tecnici dal settore centrale che hanno spiegato bene i vari PII.

Se c’è la volontà è disposto a fare tornare i tecnici per spiegare i PII e la viabilità prevista.

Non entra nel merito del progetto.

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Gandolfi (IdV):

il gruppo Di Pietro Italia dei Valori voterà astensione.

Voterebbe a favore perché giudica positivamente il progetto presentato; ma si asterrà perché per quanto riguarda i servizi, il trasporto pubblico e la viabilità è impossibile esprimere una valutazione in questo momento in quanto non ci sono stati forniti elementi sufficienti a valutarne l’inserimento nel contesto urbano esistente.

Apprezzo comunque l’impegno preso dal Presidente di Commissione di fare tornare i tecnici per spiegare la nuova viabilità prevista.

 

Brusatori (PS):

conferma il voto favorevole perché il progetto è buono. Vero tutto quello che si è detto sul contesto e dovremo chiamare qui i tecnici centrali. Al momento non sappiamo nulla di come il comune di Milano sta progettando la nostra Zona 5.

 

Fumagalli (PD):

legge una dichiarazione di voto scritta. I firmatari della dichiarazione votano contro.

 

Morana (UDC):

voterà a favore. Ricorda che i candidati Berlusconi e Veltroni hanno promesso 100.000 alloggi di ERP.

 

 

Si vota:

24  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, PS

8  Contrari:  PRC, PD, SD,

2  Astenuti:  IdV, V

APPROVATA

 

 

 

8.2 – Concessione edilizia a sanatoria in Piazza Carrara 3:

il Presidente della Commissione, Caime (FI), illustra il punto.

La Commissione in data 01.04.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Brusatori (PS):

uno fa un abuso e poi pagando l’abuso viene sanato. Non è morale e neppure pratico. Si fa la città in deroga alle leggi. È assurdo. All’estero le costruzioni abusive le demoliscono. Le sanatorie sono un assurdo.

 

Gandolfi (IdV):

per questione di principio voto sempre contro alle sanatorie perché suonano come una presa per i fondelli nei confronti del C.d.Z. 5: troppo facile fare delle opere senza chiedere la concessione edilizia e poi fare la sanatoria quando si viene scoperti. Non basta che ultimamente possano scavalcare il parere sulle concessioni edilizie del C.d.Z. facendo le DIA, non contenti realizzano pure opere che poi hanno bisogno di essere sanate e vengono da noi solo nel momento in cui hanno bisogno di vedere sanate le loro opere. Scandaloso. Questo è prendere per i fondelli il C.d.Z. 5.

Nel caso specifico avremmo anche molte critiche sulle opere realizzate, ma non vogliamo neppure entrare nel merito perché quello che è prioritario è la questione di principio.

Mi piacerebbe vedere anche un colpo di orgoglio da questa maggioranza in difesa della dignità di questo Consiglio di Zona con un voto contrario a questa richiesta di sanatoria e iniziare un percorso di pareri negativi alle richieste di sanatoria.

 

Caime (FI) Pres. Comm. (replica):

Condivide perfettamente le considerazioni fatte dai due consiglieri. Le sanatorie sembrano premiare i furbi. Non condivide però la conclusione. Disposto a mandare più controlli sugli abusi edilizi mandando fuori la PL.

Ha lavorato nel settore edilizia privata e conosce la situazione.

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Gandolfi (IdV):

ha apprezzato che il Presidente di commissione abbia condiviso le nostre considerazioni, ma ho trovato contraddittorio il suo intervento. Non ha forse ben compreso il volo pindarico del Presidente quando ha prima detto di essere disposto a far fare più controlli dalla PL per scoprire eventuali abusi edilizi, ma se poi quando chiedono la sanatoria la maggioranza vota a favore siamo punto a capo. Noi dell’Italia dei Valori votiamo contro.

 

Angiulli (PS):

votiamo contro. Le sanatorie sono una ingiustizia come lo è l’abuso.

 

 

Si vota:

22  Favorevoli:  FI, AN, UDC, D

12  Contrari:  PD, SD, PRC, V, IdV, PS

1  Astenuti:  LN

APPROVATA

 

 

 

 

 

9 - Concessione in locazione transitoria area di proprietà comunale sita in via Neera - richiesta di parere: il Presidente della Commissione, Caime (FI), illustra il punto. Abbiamo condizionato il parere favorevole alla sistemazione a carico della proprietà, cioè il comune.

La Commissione in data 01.04.2008 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

mi ha fatto piacere che nel parere che andiamo a dare sia stata aggiunta anche una postilla finale che chiede la sistemazione del muro perimetrale del campo di calcio della parrocchia che è da tempo pericolante e che avevo già segnalato con una ISTANZA circa un anno fa. La Polizia Locale era uscita e aveva constatato che effettivamente il muro in alcuni punti era pericolante e tale è rimasto. Importante che venga messo a posto.

Essendo la proprietà del comune, tocca al comune la sistemazione del muro. Anche in virtù del fatto che in quell’area verranno temporaneamente spostati gli operatori commerciali del mercato comunale durante la fase dei lavori di rifacimento del mercato comunale nella sua nuova dislocazione, come previsto dal PRU Stadera. Parere favorevole alla richiesta.

 

Lombardelli (PD):

aveva votato contro perché aveva chiesto che venisse formulata diversamente la dicitura della postilla. Presenta un emendamento sostitutivo.

Il muro di cinta è pericolante. Non vota favorevole a una situazione che potrebbe essere pericolosa per i fruitori. Voterà a favore solo se accettato l’emendamento.

 

Repossi (V):

si asterrà. È bene mantenere un campo di calcio con la sua funzione di gioco e non condivide che venga dato temporaneamente per sistemare il mercato comunale.

Per spostare i commercianti ci sono valide aree alternative come la ex scuola ora abbandonata in piazza Abbiategrasso. O l’area recintata in piazza Agrippa angolo via Neera.

 

Mondi (FI):

chiede chiarimenti su quando avverrà lo spostamento del mercato comunale.

 

Brusatori (PS):

in Commissione si è detto che vi sono stati dei rinvii del PRU Stadera. E nessuno ci dice nulla. Qui si vuole dare la concessioni area a una chiesa mentre alle società sportive il comune chiede fior di quattrini per gli impianti sportivi.

A chi viene dato il campo tocca spendere dei soldi per sistemare il muro.

 

Presidente C.d.Z. 5:

ricorda che c’è emendamento sostitutivo proposto. Chiede il parere del Presidente di Commissione.

 

Caime (FI) Pres. Comm. (replica):

gli sembra chiaro il testo. Non ritiene attinente i rilievi di Repossi. Nn sono di nostra competenza in questa serata. Non ha nessun problema ad accogliere l’emendamento.

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Gandolfi (IdV):

voterò a favore, e coglie l’occasione per rinnovare la mia richiesta di convocare una Commissione Casa per fare il punto sulla situazione di avanzamento lavori del PRU Stadera.

 

Angiulli (PS):

anche lui chiede la Commissione Casa per il CQ Gratosoglio. Per la delibera in oggetto parere favorevole.

 

Si vota:

31  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, D, PD, SD, PRC, IdV, PS

0  Contrari: 

1  Astenuti:  V

APPROVATA

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA PRESIDENZA

 

10 - Mozione di condanna per la repressione della repubblica popolare Cinese ai danni del popolo tibetano: il Presidente del C.d.Z. 5, Ferrari (FI), era mozione che si pensava urgente ma in realtà non aveva il numero per essere urgente.

[in realtà non è una "proposta della Presidenza" ma una MOZIONE DEI CONSIGLIERI e nello specifico del consigliere Devoto (PD) e sottoscritta anche da altri consiglieri] 

 

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Pavoni (PD) (relatore):

è una mozione presenta come PD e la vede iscritta come PRESIDENZA. Non è corretto. Il testo lo conosciamo e ha raccolto parecchie firme anche da parte della maggioranza. Rilegge il testo della mozione.

 

Fasulo (FI):

non crede sia questo il luogo di queste mozioni. Lui ha fatto la tesi di laurea sul tema e ha visitato il Tibet. Fa la storia della situazione: invasione di Mao del Tibet. Poi il silenzio internazionale. Anche il Dalai Lama non chiede l’autonomia.

Mao ha invaso e distrutto tutti i monasteri, grazie anche all’appoggio internazionale che ha avuto la Cina. Un po’ ipocrita che alcuni che negli anni ’70 hanno aiutato a distruggere il Tibet ora si straccino le vesti per tutelare i diritti dei tibetani.

 

Garufi (PRC):

non c’è relazione tra la rivoluzione culturale e la questione tibetana. Oggi c’è una questione che riguarda la repressione che la polizia cinese fa su alcuni cittadini tibetani. Bisogna però stare attenti ad alcune cose. Lo stesso Dalai Lama ha invitato a ritirarsi per evitare ritorsioni violente. In Tibet c’è un tentativo già visto in altre parti del mondo chiamata rivoluzione arancione sostenuti da paesi occidentali per destabilizzare altri paesi. Non sappiamo se il popolo sta con i tibetani o con i cinesi. Le cose sono più articolate di come espresse nella mozione. Piena solidarietà con chi subisce la repressione violenta. Bisogna are però un’analisi complessiva di tutta la situazione.

 

Mondi (FI):

ricorda che anche la Spagna è nella stessa condizione. Non la vota perché non è opportuno che la Presidenza porti in votazione una mozione di un partito. Voterà contro per evitare sospetti di inciucio.

 

Zolla (AN):

interessante constatare come Garufi abbia tentato di arrampicarsi sugli specchi per fare del negazionismo. Ci spieghi quale è la sua posizione politica. Capisce il suo imbarazzo con i colleghi della sua coalizione. Il PD ha preso una sua posizione e spera non sia posizione di facciata. Questa mozione ci porterebbe a discutere per giornate intere sulla Cina e il suo modo di governare. Proprio nella Zona 5 esiste il consolato cinese in via Benaco. Ogni giorno di fronte ci sono continue manifestazioni di popolo che dimostrano la scarsa democrazia di quel paese. Prendiamo una posizione chiara. Spera non sia solo una posizione elettorale.

 

Repossi (V):

da anni segue il problema ed è stato anche in Tibet. Ben venga una mozione che condanni uno stato che sia di origine comunista. Lui sta per principio con il popolo oppresso. Lasciamo da parte i distinguo. Ci sono persone che hanno fatto un percorso politico e hanno fatto delle scelte. Bisogna discutere con queste persone che poi magari si sono poste in discussione. Non vorrebbe che ci si scontrasse su questi argomenti. Quando ci sono argomenti come questi diamo un segale forte. 

 

Angiulli (PS):

chi ha vissuto gli anni del ’68 e i fatti della storia sa che i socialisti hanno sempre difeso i popoli oppressi. La mozione è stata presentata dal PD ma sottoscritta anche dal suo partito.

 

Brusatori (PS):

utile discutere anche di questi argomenti. Ci si scorda cosa era il mondo prima della caduta del muro. C’era il fascismo dalla parte del centrodestra con i suoi orrori. Ma poco utile continuare a discutere con la divisione concettuale fascisti/comunisti. Fa ridere oggi la contrapposizione da guerra fredda. Per fortuna il muro di Berlino è stata abbattuto

 

Gandolfi (IdV):

I contenuti della mozione sono stati pienamente condivisi dal mio gruppo e l’abbiamo sottoscritta fin dall’inizio, senza incertezze di alcun tipo, senza alcun distinguo o eccezione. Anche noi saremo sempre dalla parte dei cittadini e contro ogni oppressione e a favore della libertà di espressione, per la democrazia e per la pace.

 

Zucco (FI):

condivide molti degli interventi sia sui diritti umani sia sulla ricostruzione storica del consigliere Fasulo. Unica nota stonata quella di Repossi sulla mozione della Birmania. Ricorda che avevano rivisto la loro posizione perché c’era un passaggio non condivisibile proprio sulla Cina.

 

Berdot (SD):

quando si porta n argomento come questo così importante c’è chi come Fasulo che dice che non è nostro compito occuparcene. Noi siamo dei politici ed è troppo riduttivo limitarsi alla sola e semplice amministrazione. Non accetta che chi non ha vissuto certi periodi storici venga a fare le pulci. Ognuno risponde della propria storia politica. Noi dovremmo ispirarci a quello ce ha fatto l’Italia con la moratoria contro la pena di morte. Evitiamo di fare discorsi di dietrologia. Guardiamo anche al fatto che quello che comanda è il mondo degli interessi ed è per questo che tutti continuano a fare affari con la Cina.

 

Gussoni (AN):

ha firmato questa mozione a come del suo gruppo. Gli ha fatto piacere leggerla per un fatto politico e per chi la presentava. L’errore del ’68 fu fatto che da ambo le parti si pensava che chi era di fronte sbagliava. Chiaro che non è giusto chiedere che chi la presenta ha la patente per firmarla. Parere positivo alla mozione. Ormai siamo di fronte a un crollo disperato di tutti i regimi comunisti, compreso quello Cubano. Quello Cinese è comunista politicamente, e capitalista dal punto di vista economico, il peggio di ambo le parti. ricorda altri episodi della storia. Si augura sia un cambiamento in atto.

 

Bramati (FI):

conferma la firma posta sula mozione con il voto favorevole. Contestualmente però ribadisce un punto di verità, secondo lui. Ricorda la mozione sul Papa e l’uscita dall’aula dell’opposizione. Qui forse c’è spirito diverso. Sui fatti del ’68 non può prescindere dalla sua esperienza personale. In base a quella ha maturato le sue convinzioni politiche. L’ha firmata di getto per il valore assoluto che porta avanti. Utile continuare a parlare di questi temi, magari approfondendoli.

 

Garufi (PRC) (per f. p.):

non è affatto ambigua la sua posizione. Contro l’oppressione in ogni caso. Perplesso dal documento che è semplicista. Merita un maggiore approfondimento. Voterà a favore.

 

Repossi (V) (per f. p.):

sulla mozione della Birmania ricorda il disquisire sul termine “regime militare”. Sulla Cina tutti fanno gli affari ed è legittimo chiedere alla Cina di fare la sua parte.

 

Fasulo (FI) (per f. p.):

la rivoluzione cinese centra eccome con la questione tibetana. Ci sono molti fatti che lo provano. Vero che non ha partecipato al ’68, ma chiede dove erano queste persone quando la questione del Tibet iniziava? Ormai è tardi per risolverla. Voterà a favore.

 

Pavoni (PD) (replica):

contento del dibattito. Si sono sentite tante posizioni interessanti. Ognuno ha dato il suo contributo. Non hanno voluto andare nello specifico. Posiamo anche togliere la sigla del partito se diventa una posizione di tutto il Consiglio.

 

 

Si vota:

27  Favorevoli:  FI, AN, UDC, D, PD, SD, PRC, V, IdV, PS

0  Contrari: 

0  Astenuti: 

APPROVATA ALL’UNANIMITÁ 

 

 

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: alle ore 21.11 circa, essendo esauriti i punti all’ordine del giorno, dichiara chiuso il C.d.Z. 5.

 

 

-----------------------------------

 

N.B.: qui di seguito riporto la corrispondenza delle sigle abbreviate con il corrispondente partito:

 

FI – Forza Italia

AN – Alleanza Nazionale

UDC – Unione Democratica Cristiana

LN – Lega Nord  

D - Gruppo misto "Destra"

PD – Partito Democratico  

SD - Sinistra Democratica per il Socialismo Europeo

PRC – Rifondazione Comunista

LUDF – Lista Uniti con Dario Fo

V – Verdi

PS – Partito Socialista

IdV – Di Pietro Italia dei Valori

 

 

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail