NEWSLETTER SULLA ZONA 5

Resoconto del Consiglio di Zona 5

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

www.lucagandolfi.it

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 19 luglio 200

 

orario di convocazione: 18.30

inizio formale effettivo alle ore: 18.45

 

 

 

 

Appello: 31 presenti: 10 su 16 del centrosinistra / 21 su 25 del centrodestra

[altri consiglieri arrivano poi nel corso della serata]

 

 

Il Presidente del C.d.Z. 5 nomina gli scrutatori:

D’Ambrosio (AN), Baroncini (FI), Garufi (PRC)

 

 

 

 

 

1 – Surrogazione del dimissionario consigliere di AN Luca Procaccini con il consigliere Maurizio Gussoni – immediatamente eseguibile: il Presidente del C.d.Z. 5 illustra il punto.

 

 

Si vota:

27  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, PRC, Decensi (LF) Muzzana Soncini Devoto Pavoni (U)

0  Contrari: 

4  Astenuti:  IdV, V, Esposto (LF), Lombardelli (U)

APPROVATA

 

 

 

 

 

2 - Approvazione dei verbali delle precedenti sedute (art. 69, comma 3 e seguenti, Reg. Consiglio Comunale): il Presidente del C.d.Z. 5 illustra il punto.

Vengono tacitamente approvati i Verbali:

n° 33 del 07.06.2007

n° 35 del 21.06.2007

Si astengono i seguenti consiglieri: Gandolfi, Muzzana, Garufi, Lombardelli

 

 

 

 

 

3 - Comunicazioni dei Consiglieri:

[Mozioni e interrogazioni da parte dei Consiglieri di Zona ai sensi dell’articolo 11 del Regolamento sul Decentramento e degli articoli 11, 12, 13 del Regolamento Interno]:

 

Gussoni (AN):

comunica che assume anche la carica di capogruppo che in precedenza aveva Procaccini.

 

Gandolfi (IdV):

- presenta una ISTANZA avente per oggetto “VIA ROMILLI: rifiuti abbandonati, degrado e problemi di sicurezza

 

informa che sono pervenute delle RISPOSTE ad alcune sue precedenti ISTANZE:

- è arrivata la RISPOSTA del Settore Tecnico Arredo Urbano e Verde relativa all’ISTANZA con oggetto “Asilo nido di Via Baroni 17:  richiesta di sistemazione del giardino dell’asilo ormai ridotto a terra secca e dura o a poltiglia fangosa (a seconda delle condizioni atmosferiche) (P.G. 467554/2007 del 22/05/2007). Legge la risposta.

- è arrivata la RISPOSTA dell’Assessore al Decoro Urbano e dell’AMSA relativa alle ISTANZE con oggetto “Degrado e scarsa pulizia dell’area limitrofa all’Università Bocconi (P.G. 467744/2007 del 22.05.2007) e con oggetto “Degrado e disturbo da rumore e problemi vari nell’area limitrofa alla discoteca Movida (ex Lime Light) […] (P.G. 514816/2007 del 05.06.2007). Legge la risposta.

- è arrivata la RISPOSTA dell’Assessore Mobilità, Trasporti, Ambiente e del Settore Attuazione Mobilità e Trasporti, Servizio Parcheggi e Sosta relativa all’ISTANZA con oggetto “PARCHEGGI GIALLO E BLU: quando entra in vigore il sottoambito 19? (P.G. 178786/2007 del 21.03.2007). Legge la risposta che riporta la data del 26.04.2007.

 

Pavoni (U):

- presenta una INTERROGAZIONE avente per oggetto “Rustico di via Lampedusa

 

Soncini (U):

- presenta una MOZIONE avente per oggetto “Gestione dei C.A.M.” specifica che è un testo che è stato presentato anche in altri Consigli di Zona

 

Zolla (AN):

- doveroso ringraziamento di cuore all’uscente capogruppo e vicepresidente del C.d.Z. 5 Luca Procaccini. Da otto anni hanno condiviso una serie di esperienze politiche e apprezzare le sue capacità e professionalità. Coglie l’occasione per augurare buon lavoro al nuovo capogruppo Gussoni

- presenta una MOZIONE avente per oggetto “Richiesta di ispezioni nei campi nomadi regolari e non

 

Repossi (V):

- ricorda due anniversari: strage di Sebreniza e invita riflessione a fatti di questi giorni; l’altra è che la Corte Cost. argentina ha tolto l’indulto ai parlamentari colpevoli dei desaparecidos. Tutto ciò lo collega a una frase detta da Bove in Commissione “ripulire la città dalla feccia”, sono gli stessi argomenti che hanno portato alle pagine più negative della storia mondiale.

 

Crupi (FI):

- presenta una MOZIONE avente per oggetto “Problematica di via Boeri con gare di motorini: richiesta di dissuasori di velocità

 

Beghi (UDC):

- legge la risposta scritta sulla chiusura della piscina Sant’Abbondio: rimandata per poter usufruire dell’impianto nei mesi estivi

 

Bove (FI) (per f.p.):

spiega che probabilmente è stato frainteso: aveva detto che l’obiettivo è “ripulire Milano dalla feccia”, ovviamente secondo quanto stabilito dalle norme vigenti.

 

 

 

 

 

4 - Comunicazioni del Presidente:

1) ricevuto lettera riguardante il parcheggio di piazza Abbiategrasso;

2) fatta conferenza su parcheggio Bordighera;

3) 11 luglio riunito Comitato Attuazione Gratosoglio, il 20 si riunirà quello dello Stadera;

4) il 23 spettacolo in Biblioteca Chiesa Rossa;

5) 11 luglio conferenza dei servizi: il comandante D’Andrea chiede che le richieste siano convogliate al Presidente;

6) il 16 riunione;

7) il 19 sulla roggia Vettabbia;

8) spettacolo a torri gratosoglio;

9) il 9 luglio manifestazione contro i nomadi;

10) convenzione con sala in San Gottardo;

11) fatto ricorso di opposizione su delibera, ricorso è stato respinto;

12) oggi riunione Laboratorio di Quartiere Gratosoglio;

13) l’11 è stato fatto sopralluogo presso gli orti di zona;

14) delle 10 istanze/interrogazioni dello scorso Consiglio comunica a chi sono state smistate;

15) oggi conferenza sul territorio con Sindaco e Formigoni e alcuni assessori su un nuovo possibile Piano Regolatore;

16) sui Navigli c’è spettacolo divertente sul jazz;

17) ringrazia uffici che hanno avuto grossi problemi in questo periodo;

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE URBANISTICA, EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA, T.T.V. 

 

5 - Esame e parere sulle domande di concessione edilizia:

5.1 – Concessione edilizia a sanatoria in viale Ortles n°80: il Presidente della Commissione, Caime (FI), illustra il punto.

La Commissione in data 10.07.2007 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

per questione di principio nei casi di concessioni edilizie a sanatoria il mio parere è contrario perché si chiede di sanare degli abusi edilizi. In questo caso l’elenco degli abusi è talmente lungo che denota una sistematicità della volontà di agire al di fuori delle regole. Pertanto conferma il parere contrario già espresso in Commissione.

 

Pavoni (U):

preannuncia la sua astensione. Se la richiesta fosse pervenuta dall’interessato è un conto, diverso se scoperta dai Vigili. Vorrebbe fosse approfondito questo aspetto.

 

Lonoce (FI):

è a favore di questa sanatoria, perché dove c’è una richiesta di mettersi in regola va favorita. Vuole cogliere l’aspetto positivo di questa richiesta.

 

Brusatori (LUDF):

quando il territorio è ferito non devono esistere sanatorie. Sono state fatte una serie di abusi edilizi, non vanno permessi. Andrebbero abbattute tute le costruzioni abusive. La sanatoria è moralmente uno scempio del Diritto.

 

Caime (FI) Pres. Comm. (replica):

Si tratta di opere abusive eseguite dall’inquilino che poi la proprietà chiedeva di sanare.

Chiede di distinguere gli abusi edilizi che comunque rientrano in una casistica consentita dalla Legge.

 

Brusatori (LUDF) (per f.p.):

ancora adesso per legge di architettura ne parlano gli architetti. Il suo era un intervento culturale.

 

 

Si vota:

20  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN,

7  Contrari:  IdV, V, LUDF, PRC, Esposto (LF), Muzzana Devoto Soncini (U)

3  Astenuti:  Pavoni Lombardelli (U) Decensi (LF)

APPROVATA

 

 

 

 

 

6 – Mozione sulle problematiche di via Comisso/Verro: il Presidente della Commissione, Caime (FI), illustra il punto.

La Commissione in data 10.07.2007 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

preme ricordare che una delle questioni all’interno di questa mozione, quella del problema del passaggio continuo di camion in via Verro, era già stata affrontata da due istanze che il sottoscritto aveva presentato: la prima nella passata consiliatura (P.G. 929729/2005 del 23/09/2005), la seconda in questa consiliatura (P.G. 289666/2007 del 23/03/2007). Mi fa piacere che dopo alcune resistenze iniziali il Presidente di Commissione abbia avuto il buon senso di recepire almeno alcune delle proposte che già erano presenti nelle mie istanze.

Il testo della mozione però va modificato per quanto concerne il punto 7, poiché bisogna chiedere il limite di velocità di 30 km/h per tutti i veicoli che transitano in via Verro, nel tratto compreso tra l’incrocio con via Antonini e quello con via Belcasule. Spero che venga accolta questa richiesta di modifica, altrimenti presento un emendamento in tal senso.

Nel testo della mozione manca poi una ulteriore proposta che alla fine era stata condivisa in Commissione e cioè la richiesta di porre allo studio una viabilità alternativa tale da creare un collegamento tra via Belcasule e via V. Ferrari in modo tale che non sia più necessario per i camion transitare in via Verro. Va aggiunto nel testo della delibera come richiesta n° 8.

Per il resto va bene.   

 

Caime (FI) Pres. Comm. (replica):

La seconda richiesta è già prevista dai settori del comune, quindi respinge le richieste.

 

Gandolfi (IdV):

se Caime ha una documentazione scritta va bene la rinuncia, ma se non c’è documentazione scritta che da certezza in proposito per me è valida la decisione condivisa e votata in Commissione e presento quindi un emendamento in tal senso.

 

Sarina (LN):

una parte delle problematiche riguarda aspetti inerenti la sicurezza e sulla questione faremo un sopralluogo come Commissione Sicurezza.

Rispetto alle problematiche di viabilità: i camion che transitano in Verro fanno capo a una discarica regolare di via Belcasule. Possibile che esista una discarica in quella localizzazione.

 

Brusatori (LUDF):

Sarina mette in luce il fatto che a Milano sono stati dati permessi strani per attività da svolgere in prossimità di edifici residenziali pur non essendo idonee.

 

Caime (FI) Pres. Comm. (replica):

Puntualizza che il problema di via Verro lo conosce fin dal 1999 da quando è stato eletto. Per questo non ricordava le istanze di Gandolfi.

Il limite di velocità ritiene opportuno che sia applicato solo ai camion.

 

Presidente C.d.Z. 5:

ha qui gli emendamenti del consigliere Gandolfi. Chiede se li accoglie.

 

 

Emendamento Gandolfi (IdV): 

propone di aggiungere un punto 8 e di modificare il punto 7 come segue (in corsivo le parti modificate o aggiunte):

“7.  L’applicazione del limite di 30 km/h nel tratto di via B. Verro compreso tra via Antonini e via Belcasule.

8.  Che i Settori del Comune competenti per materia pongano allo studio una viabilità alternativa che crei un collegamento tra via Belcasule e via V. Ferrari.

 

 

Si vota emendamento Gandolfi (IdV):

11  Favorevoli:  U, PRC, LF, V, IdV, LUDF, RP

18  Contrari:  FI, AN, LN, Beghi (UDC)

2  Astenuti:  Morana (UDC), Zucco (FI)

RESPINTO

 

 

Si vota:

22  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, IdV,

6  Contrari:  LUDF, PRC,  Esposto (LF), Muzzana Devoto Soncini (U)

4  Astenuti:  V, Decensi (LF), Lombardelli Pavoni (U)

APPROVATA

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE COMMERIO, ARTIGIANATO, SICUREZZA 

 

7 – Mozione per le problematiche sulla sicurezza del Quartiere Basmetto: il Presidente della Commissione, Sarina (LN), illustra il punto.

La Commissione in data 04.07.2007 ha discusso l’argomento stabilendo di stendere un testo che è quello in discussione questa sera.

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Brusatori (LUDF):

molte mozioni finiscono nella Comm. Sicurezza anche se in molti casi si tratta di degrado. Il degrado è figlio dell’abbandono delle periferie da parte di chi amministra Milano in questi anni. Voterà contro. Sono problemi ambientali non da polizia.

 

Gandolfi (IdV):

il testo della mozione predisposto mi pare che corrisponda a quanto è emerso dalla discussione della Commissione ed è condiviso dal mio gruppo politico che quindi voterà a favore.

I problemi del Basmetto si trascinano ormai da troppo tempo ed è ora che si cerchi di stimolarne una soluzione.

Per evitare che questa mozione rimanga solo un inutile pezzo di carta, chiedo sia al Presidente del C.d.Z. 5, sia al Presidente della Commissione Sicurezza di attivarsi anche dopo la votazione di questa sera in modo da sollecitare le autorità competenti ad una rapida attuazione di quanto viene chiesto dalla mozione. I cittadini hanno bisogno di fatti concreti.

 

 

Si vota:

32  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, U, PRC, LF, V, IdV, RP

0  Contrari: 

1  Astenuti:  LUDF

APPROVATA

 

 

 

 

 

8 – Mozione per le problematiche riguardanti i giardini di via Coari/Verro: il Presidente della Commissione, Sarina (LN), illustra il punto.

La Commissione in data 11.07.2007 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Caime (FI):

legge uno scritto di alcuni abitanti di via Coari che un cittadino avrebbe dovuto leggere ma non sapeva quando doveva fare la richiesta di intervento. Ne da lettura.

In riferimento al testo della mozione chiede alcune precisazioni. Secondo lui i comportamenti incivili sono solo degli extracomunitari.

Ha sentito dire che il Commissariato di via Chopin ha meno agenti a disposizione di quanto stabilito.

 

Gandolfi (IdV):

il problema è stato sviscerato in Commissione dove si sono individuate una serie di proposte da suggerire al fine di risolvere il problema, almeno localmente.

A parte una correzione nel testo che chiama PMZ il CAM, per il resto per quanto riguarda il mio gruppo politico il testo corrisponde a quanto condiviso in Commissione e quindi va bene.

Giova ricordare che il potenziamento dell’illuminazione mediante l’installazione di una torre luminosa è verosimilmente l’intervento di più veloce attuazione e quello che nell’immediato può aiutare nei loro compiti la PL e le Forze dell'Ordine nello svolgimento del compito che gli viene richiesto.

L’installazione di una cancellata, che è la proposta principale e quella condivisa da tutti, verosimilmente richiede invece tempi più lunghi, anche perché l’amministrazione dovrà trovare i fondi per realizzarla, oltre ai tempi di progettazione e realizzazione. Per questo sarà importante che anche dopo la votazione di questa sera, sia il Presidente del C.d.Z. 5, sia il Presidente della Commissione Sicurezza, si attivino in modo da sollecitare le autorità competenti ad una rapida attuazione di quanto viene chiesto dalla mozione.

 

Pavoni (U):

forse più che dare risposte locali dovremmo dare risposte su tutta l’area Ripamonti, dove sono in corso molti PII. È una zona da recuperare come quartiere cittadino. Troppo riduttivo chiudersi dietro una recinzione. È risposta insufficiente che sposta solo il problema da una parte all’altra nella città. Dobbiamo dare un indirizzo come C.d.Z. 5 sugli aspetti urbanistici e viabilistici.

 

Repossi (V):

condivide il parere di Pavoni, ma annuncia la sua astensione su mozione di questo genere.

 

Brusatori (LUDF):

questi problemi ci sono da secoli nelle grandi città. Non si affrontano solo con la polizia, ma perché ci sono differenti trattamenti tra le varie zone di Milano. Le periferie sono dimenticate. Tutte le attenzioni sono per il centro. Si asterrà.

 

[scontro verbale tra il Presidente del C.d.Z. 5 che commenta l’intervento e il consigliere del consigliere Brusatori che ritiene che venga travisato il senso del suo intervento]

 

Zolla (AN):

la richiesta della cancellata è una richiesta fatta dai cittadini per una loro legittima esigenza. Purtroppo quando c’è una emergenza si risponde come è possibile rispondere per eliminare l’emergenza. Qui siamo di fronte a una invasione a cui bisogna rispondere.

 

Decensi (LF):

parliamo di verde e di parchi ma non abbiamo più il Presidente della Commissione Verde di Zona 5. Chiede chi sarà il successore del consigliere Procaccini a presiedere la Commissione Verde.

 

Baroncini (FI):

si dice sconcertato dall’atteggiamento tenuto in questo Consiglio dal consigliere Brusatori. Chiede che venga verbalizzato tutto quanto è stato detto dal consigliere Brusatori. È necessario ripristinare il rispetto reciproco nel dibattito. D’ora in poi non tollereranno più gli insulti.

 

Gussoni (AN):

non male come prima seduta. È lo stesso Dario Fo un giullare, come il suo rappresentante. La consigliera Decensi ha ricordato che è anche un premio Nobel e per questo merita rispetto. Legge un testo riguardante Dario Fo.

 

Presidente C.d.Z. 5:

richiama attinenza al tema in oggetto.

 

Garufi (PRC):

varrebbe la pena di aprire un dibattito sulle periferie e sul degrado delle stesse. Non condivide l’atteggiamento di Zolla e il suo spirito di polizia. Meglio risolvere senza violenza.

Eviterebbe citazioni e attacchi ai gruppi politici come è stato fatto nell’ultimo intervento.

 

Brusatori (LUDF) (per f.p.):

anche per offese al gruppo che rappresenta. Il Presidente inoltre ha travisato il senso di quello che lui aveva affermato.

A Gussoni ricorda che il suo gruppo si è accaparrato i meriti di una mozione che lui aveva scritto.

A Baroncini ricorda che il suo gruppo produce meno del suo piccolo gruppo.

 

Decensi (LF) (per f.p.):

chiede più equità al nuovo consigliere che ha fatto un intervento completamente non pertinente al tema.

 

Esposto (LF):

sul contenuto della mozione, aveva sollecitato di affrontare anche i problemi di altri parchi della zona. È favorevole alla richiesta di una cancellata sufficientemente alta per essere idonea allo scopo. Sull’illuminazione preferirebbe che una volta chiuso l’illuminazione sarebbe meglio spegnerla, almeno come sperimentazione. I parchi vanno gestiti con maggiore cura.

 

Bove (FI):

il vero servizio al cittadino è fornito con interventi di qualità

 

Gussoni (AN) (per f.p.):

replica a Garufi. Poi a Brusatori ribadisce il termine giullare a Fo come non offensivo. Vero che suo intervento non era attinente al tema, ma ritiene faccia parte della politica.

 

Zucco (FI):

suggerisce di tenere conto della proposta di ridurre l’illuminazione in caso di recinzione del parco.

 

Brusatori (LUDF) (per f.p.):

si dice stufo di insulti al suo gruppo politico e alla sua persona.

 

Sarina (LN) Pres. Comm. (replica):

risponde a Caime spiegando il senso del testo: non è un problema provocato solo da extracomunitari.

Condivide esigenza di un discorso generale sulla riqualificazione della zona, ma quando ci troviamo di fronte a problemi specifici è nostro dovere dare delle risposte.

Spiace non ci sia più il Presidente della Commissione Verde, ma verrà presto nominato un successore.

Sulla questione relativa alla proposta di sperimentare lo spegnimento delle luci propone un inserimento nel testo.

 

 

Si vota:

24  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, PRC, IdV, LF, Lombardelli (U)

0  Contrari: 

3  Astenuti:  V, LUDF, Pavoni (U)

APPROVATA

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLE COMMISSIONI CONGIUNTE: CULTURA, MANIFESTAZIONI ED IDENTITÁ - SPORT E TEMPO LIBERO 

 

9 – Iniziativa “Concerto per il 30° anniversario della morte di Elvis Presley”: il Presidente della Commissione Cultura, Bove (FI), illustra il punto.

Iniziativa “Concerto per il 30° anniversario della morte di Elvis Presley” proposta dalla Società “Amici Miei” sas, da svolgersi il 07.10.2007 alle 21.00 presso l’Auditorium L.go Mahler, con la partecipazione dei Dreamers e della TCB Band. Importo massimo previsto 4.000,00 euro IVA compresa, suddivisi in parti uguali tra le due Commissioni. 

La Commissione in data 02.07.2007 ha espresso PARERE FAVOREVOLE

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

le qualità di Elvis non si mettono in discussione.

In Commissione è stato detto che la vendita dei biglietti è già iniziata su internet, quindi vuole dire che l’evento si farà anche se la zona non eroga fondi. O che si da per scontato il contributo del C.d.Z. 5 prima che si esprima con delibera.

Già nella passata legislatura era stato organizzato un evento analogo e ci stati problemi organizzativi che hanno prodotto una forte delusione: si diceva che il ricavato sarebbe andato in beneficenza, ma non c’è stato nulla oltre le spese.

Anche questa volta si dice che c’è uno scopo meritorio: cioè che il ricavato, una volta coperte le spese, venga dato all’Orchestra Verdi. Uno scopo meritorio e condiviso, ma se davvero si vuole aiutare l’Orchestra Verdi è meglio stanziare direttamente una cifra da devolvere a questo scopo, piuttosto che attendere un surplus che non ci sarà o avrà un importo insignificante e non utile allo scopo.

Per altro in delibera non si fa alcun accenno a questo scopo. Mentre noi chiediamo non solo che sia specificato in delibera, ma che vi sia la garanzia di un importo minimo da devolvere all’Orchestra Verdi, pari almeno a 2.000 euro.

Siamo già rimasti delusi una volta da questo tipo di iniziativa. Sbagliare è umano, perseverare è diabolico.

 

Pavoni (U):

lui proponeva che venisse concesso al massimo un patrocinio gratuito essendo una iniziativa lucrativa attuata da una società privata.

Il C.d.Z. 5 visto il genere dell’iniziativa non riuscirà a dare un senso di beneficenza all’iniziativa. Non si sente di appoggiare una richiesta di contributo economico.

 

Brusatori (LUDF):

la voterete perché avete i numeri e non vi interessano gli interventi costruttivi che vengono fatti. Quindi non sprecherà fiato. Voterà contro.

 

Caime (FI):

non condivide la richiesta fatta da Gandolfi di devolvere in beneficenza

 

Bove (FI) Pres. Comm. (replica):

Per quanto concerne il devolvere all’Orchestra Verdi era nella proposta presentata, non è inserita in delibera ma la si può ad aggiungere. L’iniziativa è però volta a fare evento di prestigio.

Sui biglietti non ricorda che sia stato detto che sono già stati venduti, sono solo stati prenotati.

 

Gandolfi (IdV) (per f.p.):

spero che l’intervento di Bove abbia chiarito meglio il contenuto di quello che avevo detto al consigliere che lo aveva preceduto, il quale non aveva capito nulla di quello che avevo detto. Gli fa comunque piacere che Bove abbia acconsentito a precisarlo in delibera.

 

 

Si vota:

21  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN

2  Contrari:  LUDF, Esposto (LF)

5  Astenuti:  U, IdV, V, Decensi (LF)

APPROVATA

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA PRESIDENZA 

 

10 – Iscrizione all’Albo Zonale delle Associazioni del “Centro Italiano Aiuti all’Infanzia”: il Presidente del C.d.Z. 5, Ferrari (FI), illustra il punto.

 

 

Si vota:

23  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN, IdV, U, V

0  Contrari: 

0  Astenuti: 

APPROVATA ALL’UNANIMITÀ

 

 

 

 

 

MOZIONI DEI CONSIGLIERI 

 

11 – Mozione del consigliere Scuglia (AN) sull’attentato al Circolo Culturale “Cuore Nero” di Milano: il consigliere Scuglia (AN), in qualità di estensore e primo firmatario, illustra il punto.

 

Dibattito

Intervengono i consiglieri

 

Gussoni (AN):

si dice stupito di quanto appena accaduto e al fatto che siano rimasti pochi consiglieri di opposizione. Spera non sia codardia, ma solo scelta politica di chi non vuole condannare chi brucia i centri culturali di altro colore politico.

 

Repossi (V):

strano che già ci attribuiscono dichiarazioni che non abbiamo neanche fatto.

[viene continuamente interrotto dal consigliere Gussoni]

trova condivisibile la condanna di qualsiasi forma di violenza. Forse però il consigliere Gussoni è rimasto agli anni ’70. non capisce però la presenza di un passaggio che non centra nulla. Sembra fatto ad arte per evitare che la votiamo. Chiede che venga eliminato.

 

Gandolfi (IdV):

visto che si tratta di una normale mozione, analogamente al trattamento riservato alle mozioni dei consiglieri di opposizione, chiede il rinvio della mozione nella Commissione competente per materia affinché venga approfondita in quella sede prima di venire discussa in Consiglio. Altrimenti abbandonerà l’aula in segno di protesta nei confronti di questa disparità di trattamento.

 

Brusatori (LUDF):

è una palese provocazione quel passaggio fatto apposta per non farci votare questa mozione.

Anche l’iter delle mozioni è provocatorio: quelle dell’opposizione le fate passare dalle Commissioni, mentre quelle di maggioranza vanno subito in Consiglio. Visto l’atteggiamento se ne va.

 

[Gandolfi, Repossi, Pavoni presentano un emendamento per eliminare il passaggio strumentale della mozione]

 

Pavoni (U):

condivide il rilievo fatto dai suoi colleghi a quel passaggio. Chiede di approvare l’emendamento che presenta il centrosinistra. Può essere importante.

 

Soncini (U):

condivide la condanna della violenza politica. Condivide le critiche a quel passaggio. Lo delude l’intervento di Gussoni che offensivo e fa perdere del tempo.

 

Zolla (AN):

non vorrebbe che fosse usata come scusa la presenza di un passaggio che si dice provocatorio. Attacca la sinistra e dice che non ha posizione univoca sull’argomento. Ricorda serata in cui c’erano i centri sociali in Consiglio.

 

Crupi (FI):

ritiene scandalosa questa opposizione che usa sempre la stesse motivazioni quando ci sono  argomenti importanti. Chiedono sempre di rimandare in Commissione. Lo ritiene inaccettabile.

 

[I consiglieri di Centrosinistra ancora presenti abbandonano l’aula per protesta. Rimane il consigliere Gandolfi per consentire che l’emendamento presentato insieme ai consiglieri Repossi e Pavoni venga discusso e posto in votazione.]

 

Scuglia (AN) primo firmatario e relatore (replica):

si lamenta del fatto che non sia rimasto in aula nessun consigliere di opposizione ad eccezione di Gandolfi. Spiega che non può accettare l’emendamento proposto dai consiglieri di centrosinistra perché nel momento in cui aveva presentato la mozione si era nel periodo della manifestazione per la sicurezza a Milano di cui quel passaggio raccoglie lo spirito di critica all’attuale Governo. Per lui è prioritario chiedere la certezza della pena che perseguire gli evasori fiscali. Non è una provocazione nei confronti dei consiglieri di centrosinistra, ma evidentemente alcuni si sentono in imbarazzo.

 

Presidente C.d.Z. 5:

prima della votazione della delibera si pone in votazione l’emendamento Gandolfi, Repossi, Pavoni, ma solo se almeno uno dei firmatari è presente in aula.

 

[il consigliere Gandolfi ribadisce che è rimasto in aula proprio con lo scopo di consentire la discussione e votazione dell’emendamento]

 

 

Emendamento Gandolfi (IdV), Repossi (V), Pavoni (U): 

propone di cancellare le seguenti quattro righe della mozione: 

RICHIEDE al Sindaco di Milano di inserire nel manifestare in tutte le sedi istituzionali la protesta di Milano e dei milanesi nei confronti della politica del “buonismo” verso chi delinque e della “tolleranza zero” nei confronti degli onesti cittadini che incappino in lacci burocratico-amministrativi, tenuta dall’attuale Governo;

 

Dibattito sull’emendamento Gandolfi (IdV), Repossi (V), Pavoni (U):

Intervengono i consiglieri

 

Gandolfi (IdV):

esordisce dicendo gli piace ascoltare anche le opinioni diverse dalle proprie e ha quindi ascoltato con estrema attenzione la replica di Scuglia. Pur non condividendolo, comprende il ragionamento fatto dal consigliere Scuglia sulla fase particolare in cui era stata presentata la mozione. Tuttavia ritiene che questa tipologia di mozioni meritino un respiro più ampio, che vada anche oltre i singoli episodi. È convinto che sia nell’interesse della politica stessa, al di là del colore politico, condannare ogni atto violento, contro chiunque sia perpetrato. La violenza fa morire il dibattito democratico e uccide la stessa democrazia. Quindi piena condivisione della condanna della violenza, contro chiunque venga fatta.

Ricorda inoltre al consigliere Zolla che quando vi erano stati quei tristi episodi che avevano coinvolto il C.d.Z. 5, questo Consiglio nella seduta immediatamente successiva aveva votato una mozione di condanna condivisa da ambo le parti.

[Zolla interrompe dicendo che è troppo facile votare un documento la seduta successiva ai fatti quando chi li aveva provocati non era più presente.]

Gandolfi replica all’interruzione di Zolla ricordandogli che i fatti di cui si discute questa sera risalgono addirittura ad alcuni mesi fa, ciò non toglie che sia utile una discussione politica. Inoltre in quell’occasione non tutti erano stati subito informati di quello che era accaduto appena fuori dall’aula consiliare.

Tornando alla replica di Scuglia sottolinea come un concetto analogo di condanna di una politica di “buonismo” e di richiesta di certezza della pena può anche essere espresso in modo diverso e condiviso, ma senza strumentalizzazioni politiche. Chiede quindi a Scuglia se è disposto, invece di cancellarlo, a modificare quel passaggio della mozione al fine di renderlo condiviso da ambo le parti politiche. Se invece volete giocare al muro contro muro, basta saperlo e ne prenderemo atto.

 

Scuglia (AN) primo firmatario e relatore (replica):

respinge la richiesta di modificare il testo. Parere contrario all’emendamento.

 

 

Si vota l’emendamento Gandolfi, Repossi, Pavoni:

1  Favorevoli:  IdV

21  Contrari:  FI, AN, UDC, LN

0  Astenuti: 

RESPINTO

 

 

Dichiarazioni di voto:

 

Gandolfi (IdV):

vista la risposta negativa e la clamorosa chiusura a qualsiasi possibilità di condivisione del testo della mozione, il gruppo Di Pietro Italia dei Valori conferma la posizione già assunta dai colleghi di coalizione e annuncia che abbandona l’aula in segno di protesta.

 

 

Si vota:

21  Favorevoli:  FI, AN, UDC, LN

0  Contrari: 

0  Astenuti: 

APPROVATA ALL’UNANIMITÀ

 

 

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: alle ore 21.40 circa, essendo esauriti i punti all’ordine del giorno, dichiara chiuso il C.d.Z. 5.

 

 

 

-----------------------------------

 

N.B.: qui di seguito riporto la corrispondenza delle sigle abbreviate con il corrispondente partito:

 

FI – Forza Italia

AN – Alleanza Nazionale

UDC – Unione Democratica Cristiana

LN – Lega Nord

U – Ulivo

PRC – Rifondazione Comunista

LF – Lista Ferrante

LUDF – Lista Uniti con Dario Fo

V – Verdi

RP – Rosa nel Pugno

IdV – Di Pietro Italia dei Valori

 

 

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail