NEWSLETTER SULLA ZONA 5

Resoconto del Consiglio di Zona 5

a cura di

Luca Gandolfi

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 10/02/200

 

orario di convocazione: 19.00

inizio effettivo alle ore: 19.21

 

Appello: 30 presenti: 12 su 16 del centrosinistra / 18 su 25 del centrodestra

(altri arrivano nel corso della seduta)

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: comunica che anche il C.d.Z. 5 vuole testimoniare il suo ricordo per le vittime delle foibe con un minuto di silenzio.

Trimboli (PDCI): chiede che si ricordino tutte le vittime delle stragi.

[la consigliera Viverit (FI) esce dai banchi della maggioranza e si avvicina al consigliere Trimboli dicendogli “questa sera non parli”]

 

1 minuto di silenzio per ricordare le vittime delle foibe

 

 

 

Il Presidente nomina gli scrutatori:

Scarcella (FI), Morana (UDC), Trimboli (PDCI)

 

Presidente del C.d.Z. 5: informa che in coda all’ultimo C.d.Z. 5 si è verificato un errore formale poiché al momento della votazione delle due mozioni urgenti non erano presenti gli scrutatori, quindi si devono ripetere solo le votazioni di quei due punti che per altro erano largamente condivisi.

 

 

 

 

 

MOZIONE URGENTE (1) per spazi alle associazioni: il Presidente del C.d.Z. 5, A. Pessognelli (FI), illustra brevemente il punto.

 

[N.B.: si constata il non funzionamento del sistema di voto elettronico e si procede quindi con voto per alzata di mano. Il problema si protrarrà per tutta la serata.]

 

Si vota:

31 Favorevoli:  FI, AN, LN, UDC, PSI, DS, M, IdV, V, PRC, PDCI, Gandolfi

0 Contrari: 

3 Astenuti:  Viverit e Ferrari (FI), Procaccini (AN)

APPROVATA

 

 

 

 

 

MOZIONE URGENTE (2) sul tram 3: il Presidente del C.d.Z. 5, A. Pessognelli (FI), illustra brevemente il punto.

 

Si vota:

28 Favorevoli:  FI, AN, LN, UDC, PSI, DS, M, IdV, V, PRC, PDCI, Gandolfi

0 Contrari: 

6 Astenuti:  Ferrari, Mondi, Revelli, Maschio, Viverit (FI), Procaccini (AN)

APPROVATA

 

 

 

 

 

Da O.d.G. del C.d.Z. del 27.01.2005

[I punti dall'1 al 9 sono gli ex punti dal 3 al 11 dell'OdG del C.d.Z. 5 del 27.01.2005]

 

 

 

PROPOSTA DELLA PRESIDENZA  

 

1 - HERZEMBERGHER MASSIMILIANO – richiesta di parere relativo all’utilizzo dell’area sita in Via Lelio Basso per l’installazione e l’esercizio dello  spettacolo viaggiante denominato TRENINO LILLIPUZ su binario per il periodo dall’1.02.05 al 1.03.05 comprensivo di montaggio e smontaggio delle strutture: il Presidente del C.d.Z. 5, A. Pessognelli (FI), illustra il punto.

  

Dibattito - intervengono i consiglieri

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): fa notare che la richiesta riguarda un periodo che parte dal 1 febbraio 2005 e oggi siamo già al 10 febbraio. Siamo in ritardo. Cosa succede? E cosa è successo nel frattempo?

Presidente del C.d.Z. 5: in effetti la votazione sarebbe superflua perché dovevamo dare il parere prima e ora è già andato in silenzio/assenso. Tuttavia preferiamo comunque esprimere un parere come C.d.Z. 5, anche se in ritardo.

Rusconi (AN): annuncia la sua astensione per l’inutilità del voto. In questi casi si tratta spesso di strutture che sono presenti in modo permanente, ma che continuano a rinnovare la loro richiesta. Contesta la modalità con cui vengono continuamente chiesti i parere del C.d.Z., meglio sarebbe un rinnovo annuale.

Detti (AV): si dice contraria

 

Si vota:

28 Favorevoli:  FI, LN, UDC, Gallia e D’Ambrosio (AN), PSI, DS, M, IdV, PDCI, Scarano (V)

2 Contrari:  Armanini (PRC), Detti (V)

4 Astenuti:  Rusconi e Procaccini (AN), Berti (PRC), Gandolfi

APPROVATO

 

 

 

 

 

2 - Approvazione dei verbali delle precedenti sedute (art. 69, comma 3 e seguenti, Reg. Consiglio Comunale): nessuno

 

 

 

 

 

3 - Comunicazioni del Presidente:

1) comunica le assenze giustificate dei consiglieri

2) è giunta una risposta sulla richiesta del C.d.Z. 5 circa i periodi di fermo del C.d.Z. (agosto) in cui giungono alcune richieste di parere a norma dell’Art. 130 del Regolamento Edilizio del Comune di Milano;

3) spiega alcune cose sulla corporazione dei pediatri e sui meccanismi di nomina, in relazione all’interrogazione del consigliere Gandolfi

4) la ASL si è detta interessata a proporre una serie di iniziative ai C.d.Z. chiedendo di incontrare i C.d.Z. per poterle illustrare

 

 

 

 

 

Il C.d.Z. 5 viene sospeso per una riunione delle opposizioni

(dalle 20.00 alle 20.17)

Il C.d.Z. 5 riprende alle 20.17

 

Appello: 34 presenti: 15 su 16 del centrosinistra / 19 su 25 del centrodestra

 

 

 

 

 

4 - Comunicazioni dei Consiglieri:

 

Mondi (FI): legge un testo scritto sulla questione delle foibe

 

Muzzana (M): presenta una INTERROGAZIONE (sottoscritta dal centrosinistra) con oggetto “Partecipazione del consigliere Mondi (FI) all’Associazione Tibaldi 41 e suo comportamento

 

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): presenta una ISTANZA (sottoscritta dal centrosinistra) con oggetto “ALLARME SMOG: Milano rischia la multa dell’Europa. Una normativa dell’Unione Europea stabilisce che in un anno non si possono superare le soglie di inquinamento per più di 35 giorni. Situazione di Milano: 29 volte sopra i limiti dal primo gennaio 2005. Quali i provvedimenti che si intendono adottare nel breve e nel medio/lungo periodo?” --- informa sulle istanze e interrogazioni presentate presso gli uffici e già protocollate dopo il 20.01.2005, data dell’ultimo C.d.Z. 5 in cui si è avuto lo spazio per gli interventi dei consiglieri: ISTANZA già protocollata con oggetto “EX AREA OM: problematiche varie nei giardini e marciapiedi: panche scrostate, rete di recinzione divelta, lastroni sconnessi, mancanza di cestini per la raccolta dei rifiuti, veicoli sui marciapiedi” --- ISTANZA già protocollata (sottoscritta dal centrosinistra) con oggetto “VIA PEZZOTTI: segnaletica insufficiente e pericolosa prima del ponte. Incidente motorino la sera del 28.01.2005. E problemi viabilistici incrocio Pezzotti/Bonghi” --- INTERROGAZIONE già protocollata (sottoscritta dal centrosinistra) con oggetto “PARCHEGGIO IN VIA VITTADINI: Quali le caratteristiche e la tempistica? Richiesta di copia della Relazione Tecnica e delle principali tavole e disegni (Art. 11 Reg. Decentramento Territoriale)” --- INTERROGAZIONE già protocollata con oggetto “VENDITA AZIONI A.E.M.: richiesta di elenco dei progetti che il Sindaco e la Giunta hanno annunciato di voler finanziare con i soldi derivanti dalla vendita delle azioni A.E.M., e i costi relativi a ciascun progetto” --- ISTANZA già protocollata con oggetto “VIA ISIMBARDI: marciapiede da asfaltare e cavalletto del Nu.I.R. presente da mesi

 

Scarano (V): legge un testo scritto sulla questione delle foibe, in cui si dice: rispetto per le vittime, ma bisogna inserirlo in contesto storico e politico; no al revisionismo e no al negazionismo; no alle strumentalizzazioni politiche della storia.

 

Zaolino (M): presenta una INTERROGAZIONE con oggetto “Biblioteca Chiesa Rossa senza riscaldamento

 

Procaccini (AN): (intervento solo verbale) interviene sulle foibe: si è trattato di un evento triste che non ha bisogno di parole. Riconoscere e ricordare questi fatti gravi è un atto di civiltà. In Parlamento vi è stata una larga maggioranza in favore del ricordo delle foibe, solo PRC ha votato contro e i Verdi si sono astenuti.

[si accende un battibecco tra Trimboli (PDCI) e Revelli (FI), quest’ultimo definisce “iena” il primo. Si accende un secondo scontro verbale tra Zolla (AN) e De Allegri (DS)]

Presidente del C.d.Z. 5: interviene per ristabilire la calma e per ricordare che questo non è lo spazio per il dibattito ma, secondo i regolamenti, solo per presentare ciò che è stato prodotto (interrogazioni, istanze, mozioni, ecc.) o, al limite, la lettura di un testo scritto.

Procaccini (AN): [riprende il suo intervento] le foibe sono state una pulizia etnica che è stata seguita, nel corso della storia anche recente, da altre pulizie etniche. È un segno di civiltà avere una memoria condivisa di questi gravi fenomeni. Annuncia una proposta al C.d.Z. 5 di affiggere in Biblioteca una targa per ricordare le foibe, oppure di intitolare la Biblioteca alle foibe. Sulla questione dell’inquinamento lancia la proposta provocatoria del “riscaldamento a giorni alterni”.

 

Detti (V): (intervento solo verbale) informa che la Provincia ha stanziato dei fondi per il recupero del mulino di Chiaravalle.

 

Rusconi (AN): (intervento solo verbale) interviene sulle foibe: si dice amareggiato perché non è stato colto l’invito del presidente ad un ricordo silenzioso. Si tratta di una questione ampiamente dibattuta anche in sedi istituzionali superiori alla nostra. L’importanza di ricordare le foibe è stata riconosciuta sia da politici di destra sia di sinistra in Parlamento. Annuncia la futura presentazione di una Richiesta di C.d.Z. 5 straordinario e monotematico sull’esito della delibera del C.d.Z. 5 circa l’adozione di testi sulle foibe nelle scuole.

 

De Allegri (DS): (intervento solo verbale) segnala che al CAM Stadera non funziona il riscaldamento – chiede che il C.d.Z. 5 sia invitato alla conferenza stampa dell’ALER e di Formigoni prevista allo Stadera – sulle foibe: no agli eccessi; sui libri ricorda che il centrosinistra aveva chiesto che in delibera non venissero indicati i titoli o le case editrici dei testi, lasciando libera scelta alle scuole – no ai consiglieri che dicono ad altri consiglieri “state zitti”

 

Zolla (AN): (intervento solo verbale) (per fatto personale) replica a De Allegri spiegando che il suo invito a tacere era dovuto al fatto che De Allegri non era presente in Commissione quando il consigliere Trimboli aveva insultato alcuni consiglieri di maggioranza. Si dice anche contrario ai revisionismi storici fatti dal consigliere Scarano.

[si accende una discussione in aula. Il Presidente invita alla calma.]

 

Fumagalli (M): (intervento solo verbale) si dice contrario a riaprire le ferite personali di una consigliera che ha vissuto le foibe. Le chiede scusa a nome di tutti.

[applausi sia dalla maggioranza sia dall’opposizione]

 

Berti (PRC): (intervento solo verbale) interviene sulle foibe: non vuole riaprire le ferite della consigliera, ma precisa che il silenzio sulle foibe non è dovuto ai comunisti, ma ai 50 anni di governi DC e del pentapartito. Fornisce alcune precisazioni storiche leggendo stralci di articoli.

[si accende una discussione tra Zolla (AN) e Berti (PRC)]

 

 

 

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE TERRITORIO, URBANISTICA, CONCESSIONI EDILIZIE E AUTORIZZAZIONI, T.T.V.  

 

5 - Esame e parere sulle domande di concessione edilizia: nessuna

 

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: visto che mancano pochi minuti al termine della seduta e visto che il prossimo punto sarebbe l’importante proposta di “Delibera di programma e indirizzo sulla ripartizione dei fondi MAAP 2005” che meriterebbe maggiore tempo per approfondire la discussione, propone di lasciare questo punto al prossimo C.d.Z. 5 e di trattare invece subito il punto 10 inerente “Rinnovo della convenzione per la concessione dell’impianto sportivo Forza e Coraggio alla Società Sportiva Ginnastica Milanese Forza e Coraggio”. Chiede se ci sono pareri contrari alla proposta di inversione dell’ordine del giorno.

 

Morana (UDC): si dice contrario perché in caso di inversione è più urgente la questione al punto 7, cioè la mozione della Commissione Casa sul “Piano Casa approvato dalla Giunta comunale il 30.03.2004”  

 

Pavoni (DS) Pres. Comm. Bilancio: informa che la riunione delle opposizioni riguardava proprio la “Delibera di programma e indirizzo sulla ripartizione dei fondi MAAP 2005” e visto che la maggioranza aveva fatto sapere che intendeva presentare un emendamento che modificava profondamente i contenuti della proposta presentata in precedenza si riteneva utile, per evitare che una delibera così importante scaturisse da un emendamento, che il contenuto di tali modifiche venisse prima discusso e analizzato in sede di Commissione Bilancio, con almeno la presenza del Presidente del C.d.Z. 5 e possibilmente dell’Ufficio di Presidenza.

 

Presidente del C.d.Z. 5: condivide la proposta di Pavoni e viene concordato che la prossima Commissione Bilancio si riunisca mercoledì 16.02.2005 alle ore 18.00. Il punto inerente la “Delibera di programma e indirizzo sulla ripartizione dei fondi MAAP 2005” verrà poi trattato nel C.d.Z. 5 di giovedì prossimo come primo punto.

 

 

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: alle 21.01 dichiara chiuso il C.d.Z. 5 per esaurimento del tempo a disposizione. I punti rimasti verranno trattati in testa al prossimo C.d.Z. 5.

 

  

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail