a cura di Luca Gandolfi

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 15/05/2003

 

prima di iniziare i lavori, bisogna terminare i punti rimasti dell'O.d.G. del C.d.Z. 5 del 29.04.2003 non trattati a causa dell'interruzione avvenuta per limiti di orario.

Ricordo che i punti dei C.d.Z. 5 precedenti e rimasti da trattare (l'O.d.G. del 20.03.2003, l'O.d.G. del 27.03.2003, l'O.d.G. del 03.04.2003, l'O.d.G. del 10.04.2003) sono stati rinumerati e inseriti nell'O.d.G. del Consiglio del 29.04.2003, a cui poi si sono aggiunti gli O.d.G. del 08.05.2003 e del 15.05.2003 (quest'ultimo in prima convocazione).

I lavori si svolgono in seconda convocazione, è quindi sufficiente la presenza di 11 consiglieri per garantire il numero legale (Art. 4 punto 6 del Regolamento Interno). Solo alcuni degli ultimi punti saranno in prima convocazione.

 

 

inizio effettivo alle ore: 21.08

 

Appello: 34 presenti: 14 su 16 del centrosinistra / 20 su 25 del centrodestra

(altri arrivano nel corso della seduta)

 

Presidente del C.d.Z. 5: spiega lo svolgimento dei lavori della serata che riprende in seconda convocazione dal punto 1 dell'O.d.G. del 29.04.2003 (ex punto 10 dell'O.d.G. del 20.03.2003) dalla discussione degli emendamenti (alcuni già discussi e votati, ne rimangono altri).

 

 

Da O.d.G. del 29.04.2003

 

1 - Ex punto 10 dell'O.d.G. del 20.03.2003: Programmazione 2° trimestre 2003 della Commissione Commercio:

 

Emendamento n° 7, di Pioli (LDP):

Pioli (LDP): illustra il sub-emendamento che chiede la riduzione del finanziamento da 800 euro a 750 euro.

Dibattito - intervengono i consiglieri:

Fumagalli (M): siamo ancora fermi alla delibera sul Commercio. Si dice contento che questa sera il Presidente della Commissione, Caime (FI), sia presente alla seduta e chiede se per caso non l'abbandonerà come aveva fatto nel passato Consiglio.

Pavoni (DS): ricorda che il Presidente della Commissione, Caime (FI), prima di andarsene aveva fatto dichiarazioni importanti sulle feste di via, accogliendo alcuni degli emendamenti presentati dall'opposizione. Chiede se è rimasto della stessa idea.

Presidente C.d.Z. 5: chiede di attenersi ai temi in discussione.

Caime (FI) Pres. Comm. Commercio: dice di non avere copia degli emendamenti [gli vengono forniti] Rassicura Fumagalli e Pavoni che il vice Presidente della sua Commissione lo ha degnamente rappresentato poiché aveva avuto istruzioni precise. Questa sera sarà presente fino alla fine della seduta.

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): sottolinea che oggi, 15 maggio, stiamo discutendo l'ex punto 10 dell'O.d.G. del 20 marzo 2003. Invita la maggioranza a riflettere e a mutare atteggiamento, perché un C.d.Z. bloccato nelle sue attività non serve a nessuno e va a danno dei cittadini. Nell'interesse dei cittadini spera in un cambiamento e in un ritorno ad un normale modo di operare del Consiglio. Sull'emendamento: lo condivide poiché in un periodo in cui tutto subisce dei tagli (fa esempio della gratuità dei mezzi pubblici per i disabili) è giusto che anche le feste di via abbiano una riduzione del finanziamento proposto.

De Allegri (DS): difficile riprendere le fila del discorso su un punto dell'O.d.G. del 20.03.2003. Ricorda che Caime aveva accolto alcuni degli emendamenti dell'opposizione. Condivide l'emendamento perché è giusto che, visto il periodo di tagli, anche le feste di via subiscano almeno una riduzione del finanziamento proposto.

Detti (V): abitando nella via in questione fa notare come sia assai stretta e con la festa di via sarà problematico il passaggio dei mezzi pubblici. Chiede chiarimenti in merito.

Luccietto (FI): dice di non capire come sia possibile incolpare la maggioranza di questa situazione. L'emendamento è simile a quello non discusso di Caime. Definisce l'emendamento "fazioso e pretestuoso".

Berdot (DS): facciamo l'opposizione con gli strumenti a nostra disposizione: presenteremo emendamenti fino a quando la maggioranza continuerà con un atteggiamento arrogante e a governare solo grazie a "colpi di maggioranza". Condivide l'emendamento perché, in un periodo in cui la Giunta taglia i servizi sociali, è giusto che anche le feste di via subiscano dei tagli.

Berti (PRC): questi emendamenti sono "pretestuosi" come lo erano quelli presentati e approvati dalla maggioranza sulla delibera della Commissione Cultura da cui è nato tutta questa situazione. Voterà l'emendamento anche se avrebbe preferito che fosse chiesto di non dare nessun finanziamento e non solo una riduzione.

Armanini (PRC): era meglio non dare neanche un euro, ma voterà a favore della riduzione. Chiede se questa associazione sia iscritta all'Albo Zonale. Sottolinea come il C.d.Z. finanzia le feste di via che in realtà sono feste di commercianti che hanno già molti soldi, e invece non dia un euro per feste come quella del Baravalle.

Trimboli (PDCI): era mancato all'ultima seduta, ma constata che siamo fermi sempre allo stesso punto. Ok alla riduzione, ma preferiva che non venisse finanziata per niente.

Zolla (AN): dice che qualcuno si è contraddetto: si dichiara pacifista e poi si dice pronto a una "guerra" in C.d.Z.

Rapillo (M): si lamenta perché l'intervento di Zolla (AN) era fuori tema

[Il Presidente gli da ragione: Zolla era fuori tema. Richiama tutti ad attenersi all'argomento in discussione]

Rapillo (M): (continua intervento) giusta la riduzione chiesta dall'emendamento. Chiede di specificare a cosa servono i soldi dati, visto che in delibera non è specificato.

Berti (PRC): (per fatto personale) replica a Zolla dicendo che ha perso una buona occasione per evitare di dire stupidaggini. All'accusa rivoltagli da Zolla ribatte dicendo "se qualcuno mi dichiara guerra io mi difendo".

Pioli (LDP): (replica) in un periodo in cui ci sono tagli di fondi dovunque è giusto tagliare anche alle feste di via.

Voto per l'emendamento n°7, di Pioli (LDP):

16 Favorevoli (CentroSinistra) --- 23 Contrari (CentroDestra) --- 0 Astenuti

RESPINTO

 

[Nel corso della votazione il Presidente si accorge di non aver ancora nominato gli scrutatori e provvede quindi a nominarli]

 

Il Presidente nomina gli scrutatori: Morana (indip.), Papa (FI), Trimboli (PDCI)

 

Emendamento n° 9, di Pavoni (DS):

Pavoni (DS): illustra l'emendamento che chiede di non concedere il finanziamento alla festa di via e di limitarsi al solo patrocinio gratuito. La motivazione è che gli stessi commercianti avevano detto in Commissione di non aver bisogno di soldi. Ricorda inoltre che la Comm. Commercio ha un budget di soli 5000 euro e non ha senso che dia soldi dove non sono necessari. Meglio usarli solo dove sono indispensabili e per particolari situazioni. Inoltre non sono ancora chiari i criteri in base ai quali si concedono finanziamenti alle feste di via.

Dibattito - intervengono i consiglieri:

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): rifacendosi a quanto detto da Pavoni, se è vero che gli stessi commercianti hanno detto di non aver bisogno di soldi non si vede la ragione per cui bisognerebbe darglieli.

Pioli (LDP): appoggia l'emendamento.

Fumagalli (M): il contributo è una presa in giro: i commercianti si autofinanziano, forse non ci guadagnano, ma certamente non ci perdono con la festa di via. Ok al patrocinio gratuito, ma no al "dare l'elemosina" ai commercianti.

De Allegri (DS): replica a Luccietto (FI) spiegando che gli emendamenti non sono faziosi. Inoltre il CentroSinistra si è dimostrato più volte disponibile ad aperture: è la maggioranza che non le ha volute, quindi questa situazione è colpa della maggioranza. La dimostrazione che gli emendamenti non sono faziosi è nel fatto che il Pres. Comm. ne ha accettati tre. Ok al patrocinio gratuito, ma no al finanziamento.

Detti (V): augura buon appetito a Ferrari (FI) [che mangia]. La festa di via dipende dalla via in cui si svolge: in via A. Sforza i commercianti sono già ricchi e non hanno bisogno dei soldi del C.d.Z. 5. Ok al patrocinio gratuito, ma no al finanziamento.

Berti (PRC): condivide a pieno questo emendamento: i commercianti sono già ricchi e non hanno bisogno dei soldi del C.d.Z. 5. Ok al patrocinio gratuito, ma no al finanziamento.

[Il CentroSinistra si lamenta per l'atteggiamento in aula di alcuni consiglieri di maggioranza che bivaccano.]

Berdot (DS): ricorda che aveva proposto con un emendamento un gazebo per pubblicizzare le attività del C.d.Z. 5. Non essendo passata questa proposta non c'è alcuna ragione per cui il Consiglio dia il finanziamento. Ok al patrocinio gratuito, ma no al finanziamento.

Luccietto (FI) interrompe dicendo che l'intervento della consigliera Berdot è inutile e noioso e che farebbe meglio a stare zitta.

[Il CentroSinistra insorge lamentandosi per l'intervento inopportuno e antidemocratico di Luccietto, che è anche capogruppo di Forza Italia]

Presidente C.d.Z. 5: richiama Luccietto (FI) dicendo che ha fatto un intervento fuori tema e fuori luogo.

[alcuni consiglieri del CentroSinistra, coerentemente con le richieste fatte in casi analoghi dal CentroDestra, chiedono l'allontanamento dall'aula del consigliere Luccietto]

Scarano (V): i commercianti non hanno bisogno di soldi, sarebbe meglio e più utile finanziare una giornata ecologica della Zona 5.

Rapillo (M): chiede al Presidente di stigmatizzare l'intervento di Luccietto che è stato irrispettoso, come del resto il comportamento di altri consiglieri di maggioranza che bivaccano. Ok a emendamento perché i commercianti non hanno bisogno di soldi. Chiede a Caime di spiegare a cosa servono i soldi che diamo alla festa di via.

De Allegri (DS): (mozione d'ordine) cita l'Art. 8 del Regolamento Interno sul contegno in aula e aggiunge che l'intervento di Luccietto era fuori luogo, come pure il comportamento di altri della maggioranza che mangiano in aula. Chiede al Presidente di stigmatizzare tutto ciò.

Presidente C.d.Z. 5: dice di aver già stigmatizzato e richiamato il consigliere Luccietto (FI). Chiede a chi mangia di tenere un atteggiamento dignitoso.

Armanini (PRC): ok emendamento. I commercianti non hanno bisogno di soldi. Dice che sarebbe opportuno verificare come alcuni locali svolgono le loro attività e su eventuali evasioni fiscali. Precisa che questa non è una festa di via, ma una festa dei commercianti.

Trimboli (PDCI): ok emendamento. I commercianti non hanno bisogno di soldi. Diamo solo il patrocinio gratuito.

Zaolino (M): no a due pesi e due misure: ricorda i fatti che lo hanno riguardato in Commissione Cultura e le richieste della maggioranza. Chiede quindi espulsione di Luccietto dall'aula. Ok emendamento. I commercianti non hanno bisogno di soldi. Diamo solo il patrocinio gratuito.

Muzzana (M): sottolinea che nonostante le richieste del Presidente, il consigliere Zolla (AN) continua a mangiare in aula in modo poco dignitoso. Ok emendamento. Chiede i soldi a chi vadano e per che cosa. In quale parte della via si fa la festa di via? Chiede una sospensione del C.d.Z. per una riunione di CentroSinistra.

Presidente C.d.Z. 5: ok alla sospensione, ma solo dopo il voto.

Pavoni (DS): (replica) sono mancati gli interventi della maggioranza: è un silenzio-assenso? Dice di avere dubbi. No ai finanziamenti fatti a casaccio. Necessario fare una analisi di costi e benefici per concedere un finanziamento e in questo caso la zona non ha alcun beneficio. Quindi si solo al patrocinio gratuito.

Voto per l'emendamento n°9, di Pavoni (DS):

15 Favorevoli (CentroSinistra) --- 22 Contrari (CentroDestra) --- 0 Astenuti

RESPINTO

 

Presidente C.d.Z. 5: cita l'Art. 63 del Regolamento del Consiglio Comunale e in base a quello non concede la sospensione.

 

Emendamento n° 8, di De Allegri (DS) e Fumagalli (M):

[il Presidente cerca il consigliere De Allegri per dargli la parola per illustrare l'emendamento, ma è fuori dall'aula e non si trova. Il consigliere Gandolfi fa notare al Presidente che l'emendamento non decade, perché è sottoscritto da più firmatari e quindi può essere illustrato dal secondo firmatario che è Fumagalli (M)]

Fumagalli (M): illustra l'emendamento che chiede la pubblicizzazione della festa di via, colmando una lacuna presente nella delibera.

Dibattito - intervengono i consiglieri:

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): ricorda di aver presentato un emendamento analogo che la maggioranza aveva accolto e votato nel passato Consiglio. È un emendamento che dimostra come l'opposizione sappia essere concreta e costruttiva andando addirittura a colmare una lacuna della delibera. Sottolinea come senza pubblicizzazione la festa di via risulterebbe menomata perché ne verrebbero a conoscenza solo i cittadini della via e quelli che si trovano a passare di lì per caso. Senza la pubblicizzazione sarebbe uno spreco di soldi.

[Zolla (AN) interrompe un paio di volte l'intervento di Gandolfi]

Detti (V): è evidente che Zolla ha dei problemi, ma noi siamo stufi di tollerarlo. Si all'emendamento: la pubblicizzazione è necessaria.

Rapillo (M): Zolla dimostra di essere poco rispettoso. L'emendamento è giusto: la pubblicizzazione è necessaria.

[Il CentroDestra applaude provocatoriamente. Attimi di bagarre.]

Berti (PRC): Luccietto col suo intervento forse ha voluto imitare il suo capo Berlusconi che dice che i comunisti non devono parlare. L'emendamento è giusto: la pubblicizzazione è necessaria.

De Allegri (DS): è un emendamento che migliora la delibera. Chiede a Caime se conferma di accogliere questo emendamento come aveva detto l'altra sera.

Berdot (DS): l'emendamento è giusto: la pubblicizzazione è necessaria.

Pavoni (DS): l'emendamento ha una sua logica, ma è convinto che la maggioranza lo boccerà perché è una iniziativa vuota che vuole solo regalare soldi.

Pioli (LDP):.l'emendamento dimostra la volontà costruttiva del CentroSinistra. Se la maggioranza non voterà l'emendamento dimostrerà l'atteggiamento arrogante.

Luccietto (FI): Pavoni è buon profeta: la maggioranza non voterà l'emendamento. È inutile perché la pubblicizzazione sarà fatta dall'associazione.

Trimboli (PDCI): i costi e guadagni sono notevoli. I soldi del C.d.Z. sono irrilevanti.

Zaolino (M): precisa che prima non ce l'aveva col Presidente ma con i consiglieri poco rispettosi. L'emendamento è giusto: la pubblicizzazione è necessaria.

Armanini (PRC): si lamenta perché il Presidente aveva acconsentito alla sospensione dopo il voto, ma poi non l'ha concessa.

Muzzana (M): l'emendamento è giusto: i cittadini hanno devono essere informati dell'iniziativa, la pubblicizzazione è necessaria

Fumagalli (M): (replica) l'emendamento è giusto: la pubblicizzazione è necessaria e colma una lacuna della delibera, non votarla è assurdo.

Caime (M) Pres. Comm. (replica): aveva dato segnale di apertura, ma in realtà l'opposizione aveva il solo scopo di perdere tempo, quindi no all'emendamento.

Voto per l'emendamento n° 8, di De Allegri (DS) e Fumagalli (M)

16 Favorevoli (CentroSinistra) --- 22 Contrari (CentroDestra) --- 0 Astenuti

RESPINTO

 

Berti (PRC): come gli ha fatto notare il consigliere Gandolfi, l'Art. 63 citato dal Presidente al comma 1 e 3 dice anche altre cose interessanti. Legge il testo dell'articolo 63.

 

Dichiarazioni di voto:

De Allegri (DS): il CentroDestra ha smentito la posizione sugli emendamenti del Presidente e del vice della Commissione. I DS non partecipano al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

Berti (PRC): PRC non partecipa al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

Detti (V): i Verdi non partecipano al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

Muzzana (M): la Margherita non partecipa al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

Trimboli (PDCI): i Comunisti Italiani non partecipano al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): il consigliere indipendente di CentroSinistra non partecipa al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

Pioli (LDP): la Lista Di Pietro non partecipa al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

 

Voto sulla delibera nel suo complesso:

23 Favorevoli (CentroDestra) --- 0 Contrari --- 0 Astenuti

16 non partecipano al voto a norma dell'Art. 8 comma 4 (CentroSinistra)

APPROVATA

 

 

 

10 - ex punto 7 dell'O.d.G. del 27.03.2003: Programmazione congiunta 2° trimestre 2003 della Commissione Sanità e Sport: il Pres. della Comm. Sanità, S. D'Ambrosio (AN), illustra il punto che fa riferimento alla Commissione congiunta del 18.03.2003 e che prevede tre iniziative: 1) al CTS Verro: festa della mamma, 530 euro compresa IVA; 2) al CTS Gratosoglio: corso di musica per Pasqua, 1600 euro IVA compresa; 3) al CTS Stadera: festa di fine scuola, 470 euro IVA compresa. Sulla seconda iniziativa presenta un emendamento che cambia il periodo nella seconda e terza settimana di giugno.

 

Il CentroSinistra chiede una sospensione per una riunione di minoranza

 

Il C.d.Z. 5 viene sospeso per una riunione di CentroSinistra

(dalle 23.37 alle 23.51)

Il C.d.Z. 5 riprende alle 23.51

 

Appello: 35 presenti: 15 su 16 del centrosinistra / 20 su 25 del centrodestra

 

Presidente del C.d.Z. 5: annuncia che alla fine del dibattito chiuderà la seduta e i punti rimanenti verranno posti in testa all'ordine del giorno del 29.05.2003

 

Dibattito - intervengono i consiglieri:

nessun intervento.

 

[Il CentroDestra e il Presidente sono stupiti]

Presidente del C.d.Z. 5: chiede se è possibile terminare il punto con la votazione, contrariamente a quanto aveva annunciato prima, quando si aspettava la presentazione degli emendamenti.

[Il CentroSinistra acconsente]

 

Voto sulla delibera del punto 10:

31 Favorevoli (CentroDestra + CentroSinistra)

0 Contrari

2 Astenuti: Muzzana (M), Armanini (PRC)

APPROVATA

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: vista l'ora tarda dichiara chiusa la seduta e rinvia i punti rimanenti a giovedì 29 maggio in seconda convocazione.

 

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail