a cura di Luca Gandolfi

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 13/03/2003

 

prima di iniziare i lavori, bisogna terminare i punti dell'OdG del CdZ 5 del 06.03.2003 non trattati a causa del venire meno del numero legale.

 

 

Appello: 31 presenti: 14 su 16 del centrosinistra / 17 su 25 del centrodestra

(altri arrivano nel corso della seduta)

 

Presidente del C.d.Z. 5: comunica che prima di iniziare i lavori rimasti in sospeso si vota la surroga del consigliere Apuzzo (LDP)

 

Surroga del consigliere Apuzzo (LDP) con il primo dei non eletti della Lista Di Pietro, Mauro Villa: nessun intervento.

Si vota:

31 Favorevoli -- 0 Contrari -- 0 Astenuti

APPROVATO ALL'UNANIMITÀ

Mauro Villa è dichiarato consigliere di Zona 5 della Lista Di Pietro

 

 

 

Da O.d.G. del 06.03.2003

 

Il Presidente nomina gli scrutatori: Papa (FI), Camilleri (LN), Trimboli (PDCI)

 

 

 

PROPOSTE DELLE COMMISSIONI CONGIUNTE SERVIZI SOCIALI, CULTURA, SPORT:

 

6 - Proposta in occasione dell’anno europeo per le persone diversamente abili: Special Games Milano 2003: il Presidente del C.d.Z. 5 ricorda che si era nella fase del dibattito. Informa su ulteriori nuovi sviluppi intervenuti dopo il consiglio scorso: è stato chiarito che si tratta di una delibera di indirizzo (blu) e non di una delibera di spesa (rossa), pertanto è stato tolto il parere del Direttore di Settore, non essendo più necessario. La cifra indicata in delibera è solo indicativa e le iniziative verranno poi ripresentate in consiglio per l'approvazione nel dettaglio. Viene quindi presentato un emendamento aggiuntivo (di Maschio) per precisare quanto appena detto.

Intervengono i consiglieri:

Muzzana (M): legge una lettera al Direttore di Settore dove si elencano i quesiti posti sugli elementi mancanti in delibera e rimasti senza risposta. Ora però pare, secondo quanto appena detto dal Presidente, che il parere del Direttore di Settore non sia più necessario.

Presidente del C.d.Z. 5: conferma che trattandosi di delibera blu e non rossa (come si credeva in un primo momento) non è più necessario il parere del Direttore di Settore.

Fumagalli (M): è un argomento su cui non si dovrebbe neppure discutere e su cui si dovrebbe essere d’accordo, ma ci sono dei problemi nella delibera. Dal foglio aggiunto appare come una iniziativa cittadina e non della zona. È stata aggiunta un'ulteriore relazione del Pres. Commissione Servizi sociali, ma mancano ancora quelle dello sport e della Cultura. Critica l'impostazione del discorso del nuovo foglio presentato da Maschio (FI).

Marzocco (FI) Pres. Comm. Cultura (replica): sottolinea che esiste comunque un Verbale della Commissione congiunta che è stato firmato da tutti e tre i Presidenti di Commissione. Ribadisce che trattandosi di delibera blu e non rossa non è più necessario il parere del Direttore di Settore. Difende l'impostazione della relazione aggiunta da maschio (FI).

Pavoni (DS): La finalità dell'iniziativa è condivisa. Se la delibera è di indirizzo e non di spesa, come è stato ripetuto, allora chiede che venga eliminata qualsiasi indicazione di impegno di spesa. Nelle delibere di indirizzo (blu) non ha senso mettere un impegno di spesa.

Gandolfi (indip. di CentroSinistra): ribadisce che le finalità dell'iniziativa sono condivise. Ricorda che nel suo intervento nel passato consiglio aveva posto dei quesiti a cui nessuno ha dato risposta. Tra l'altro constata che chi potrebbe rispondere, cioè il Pres. della Comm. Sport, è assente. Pone comunque ancora la domanda nella speranza che nel frattempo arrivi Morelli (LN) Pres. della Comm. Sport e dia la risposta. La domanda era: in entrambe le riunioni di Commissione in cui si era discusso il punto, il sottoscritto aveva lanciato l'idea di far coincidere organizzativamente questo evento rivolto ai diversamente abili con l'evento multisportivo per normodotati previsto dalla Commissione Sport, col fine di creare un'opportunità di integrazione che troppo spesso manca. Tale proposta aveva riscontrato il parere positivo delle commissioni congiunte e dei presidenti, tuttavia non ne trova traccia nel testo in delibera. Ne chiede le ragioni e se vi è stato un ripensamento.

De Allegri (DS): riprende la proposta di Pavoni (DS) e chiede che venga eliminata qualsiasi indicazione di impegno di spesa, proponendo in tal senso un emendamento sostitutivo.

Luccietto (FI): ritiene indispensabile la presenza di una cifra nella delibera per far sapere agli uffici e alle Commissioni che la cifra è già impegnata.

Trimboli (PDCI): è un tentativo di finanziare con gli scarsi fondi della zona una iniziativa che il centro vuole già fare. Le inziative per i disabili vanno bene, magari anche con una spesa maggiore, ma se si tratta di una iniziativa della zona.

 

Si vota l'emendamento De Allegri-Pavoni:

15 Favorevoli (CS) -- 20 Contrari (CD) -- 1 Astenuti (Morana)

RESPINTO

 

Si vota l'emendamento Maschio (FI):

21 Favorevoli (CD) -- 0 Contrari -- 15 Astenuti (CS)

APPROVATO

 

Dichiarazioni di voto:

Rusconi (AN): chi contesta l'iniziativa se ne assume le responsabilità. Non si può respingerla perché è una inizativa che viene dal centro. AN voterà a favore.

Fumagalli (M): scorretto l'intervento di Rusconi che in questo spazio fa osservazioni du chi ha criticato la delibera.

 

Si vota la delibera emendata:

32 Favorevoli: FI, AN, LN, CCD, DS, V, LDP, PRC, Gandolfi (indip. di CentroSinistra)

0 Contrari

5 Astenuti: M, PDCI

APPROVATO

 

 

 

PROPOSTE DELLA COMMISSIONE CULTURA, SCUOLA, EDUCAZIONE:

 

7 - Esame dei ricorsi avverso le quote di refezione scolastica e delle domande di ammissione gratuita al servizio di refezione scolastica: il Presidente della Commissione, S. Marzocco (FI), illustra il punto, che per la tutela della privacy si svolge a porte chiuse.

Interventi dei consiglieri:

Gandolfi (indip. di CentroSinistra): in casella c'era una comunicazione del Direttore di Settore in cui si diceva che, in base alle leggi vigenti, non sarebbe stato più necessario che il C.d.Z. votasse questi ricorsi perché il parere sarebbe spettato agli uffici. Come mai votiamo?

Presidente del C.d.Z. 5: la lettera del Direttore di Settore è stata protocollata oggi, quindi avrà validità da domani.

Marzocco (FI) Pres. Comm. Cultura (replica): ha visto la lettera, ma ne contesta il contenuto. Per lui non ha valore neppure da domani. Vedrà di chiarire la cosa e ribadisce che spetta al consiglio esprimere un parere sui ricorsi e non agli uffici.

Si vota e i ricorsi vengono tutti approvati

 

 

8 - Ricorsi avverso le quote di contribuzione per le frequenze all'asilo nido attribuite dall'Ufficio rette del Settore Servizi Educativi: il Presidente della Commissione, S. Marzocco (FI), illustra il punto, che per la tutela della privacy si svolge a porte chiuse.

Si vota e i ricorsi vengono tutti approvati

 

 

 

9 - MOZIONE URGENTE del consigliere Zolla (AN) sulle G.E.V. e il funzionamento dell'impianto di radiocomunicazione: il Presidente del CdZ 5, A. Pessognelli (FI), illustra il punto leggendo il testo della mozione.

Gandolfi (indip. di CentroSinistra): il contenuto è condivisibile, visto che per altro era una disfunzione segnalata anche in un articolo dello stesso Gandolfi su Milanosud di qualche mese fa. Il problema è il metodo della mozione urgente (sottoscritta solo dalla maggioranza) usato dal consigliere Zolla che è anche Presidente della Commissione Ambiente. Ricorda che il problema era stato affrontato in una Commissione Ambiente in cui era presente il responsabile delle GEV della Zona 5, pertanto correttezza politica avrebbe voluto che tale mozione fosse presentata come frutto del lavoro svolto dalla Commissione e non come iniziativa del consigliere Zolla. Chiede pertanto il rinvio della mozione in Commissione affinchè si possa trovare un testo condiviso da tutti. Del resto, ricorda il discorso introduttivo fatto dallo stesso Zolla (AN) alla prima riunione di Commissione, in cui auspicava un lavoro che portasse a produrre mozioni o delibere votate all'unanimità. Visto che il problema è condivisibile ne chiede il rinvio in Commissione.

Detti (V): (che è anche una GEV) dice che la sua radio funziona bene e preferirebbe che il presidente della Commissione Ambiente si occupasse del degrado ambientale della Zona 5.

Zolla (AN) (replica): durante la Commissione con il responsabile GEV di zona erano state elencate una serie di problematiche da portare all'O.d.G. della Commissione, ma poi il consigliere Fumagalli (M) si era lamentato che la Commissione si riuniva troppo spesso, così ha portato la mozione direttamente in Consiglio. Non gli risulta che la minoranza vada dalla maggioranza a chiedere di sottoscrivere le sue mozioni, così come la minoranza fa la sua politica, anche la maggioranza fa la sua. Lancia poi una serie di accuse e di provocazioni nei confronti del CentroSinistra ed in particolare della consigliera Detti e del consigliere Gandolfi.

[il Presidente del C.d.Z. 5 lo invita a concludere l'intervento attenendosi al tema in discussione ed evitando provocazioni. Si sviluppa un breve botta e risposta tra Zolla (AN) e il Presidente Pessognelli (FI)]

Fumagalli (M) (per fatto personale): è avvilente vedere come Zolla rigira le cose: il rilievo fatto a suo tempo era dovuto al fatto che in un mese aveva convocato tre Commissioni, ciascuna con un solo punto centrale, spesso insignificante, quando se ne poteva fare una sola.

Gandolfi (indip. di CentroSinistra) (per fatto personale): contesta le affermazioni fatte da Zolla (AN) e chiede che Zolla le metta per iscritto e le firmi affinchè sia poi possibile replicare nel dettaglio a ciascuna delle sue accuse infondate e, se necessario, avvalersi di tutte le facoltà di cui la legge dispone.

De Allegri (DS): chiede a Zolla nelle sue qualità di Presidente di Commissione di attenersi al tema all'ordine del giorno.

Muzzana (M): chiede cosa sarebbe la sigla presente nel testo della mozione: CO.PRE.REC

Zolla (AN) (per fatto personale): si dice contento del fatto che Fumagalli (M) abbia ricordato che le Commissioni sono retribuite. Dice che la sua Commissione da fastidio perché lavora.

[i consiglieri del CS contestano a gran voce questa affermazione visto che l'ultima convocazione è stata fatta il 28 gennaio, per altro congiunta.]

Si vota la mozione:

24 Favorevoli (CD) -- 14 Contrari (CS) -- 0 Astenuti

Gandolfi (indip. di CentroSinistra) non partecipa al voto a norma dell'Art. 8 comma 4

APPROVATO

 

 

---------------------fine O.d.G. del 06/03/2003-------------------

 

 

Da O.d.G. del 13.03.2003

 

 

INTERVENTI DEI CITTADINI: nessuno

 

 

Appello: 39 presenti: 15 su 16 del centrosinistra / 24 su 25 del centrodestra

 

 

 

1 - Approvazione dei verbali: vengono approvati i verbali n° 66 e 67, i consiglieri Gandolfi (indip. di CentroSinistra), Muzzana (M) e Berti (PRC) si astengono.

Sono pronti i verbali n° 68 sarà posto in votazione nel prossimo Consiglio utile.

 

 

 

2 - Comunicazioni del Presidente:

a) si è riunita la conferenza dei capigruppo e si è discusso della questione Zaolino/Marzocco. I capigruppo hanno deciso di normare sull'accaduto ed hanno prodotto un documento che viene letto. Sulla questione si deciderà in seguito basandosi sulla nuova normativa adottata che prevedere che la decisione sia presa dal C.d.Z. con maggioranza dei 2/3.

b) è arrivata la risposta all'interrogazione di Apuzzo (LDP) sui presunti abusi edilizi in Sant'Arialdo

c) è arrivata una risposta che di fatto risponde a più interrogazioni, tra cui una di Gandolfi (indip. di CentroSinistra) e una di Rugginenti (FI). Sul tema dell'amianto.

d) è pervenuto un invito della Bocconi ad un Convegno sulla politica del lavoro di Marco Biagi.

e) l'assessore Gallera ha fatto pervenire una proposta già approvata dal Consiglio Comunale all'unanimità sulla comunità S. Angelo.

 

 

 

3 - Comunicazioni dei Consiglieri:

intervengono i consiglieri:

Gandolfi (indip. di CentroSinistra): presenta una ISTANZA (sottoscritta dal CentroSinistra) con oggetto "BOIFAVA: degrado e pessime condizioni igeniche nel vialetto laterale del piazzale di via Boifava" --- presenta una ISTANZA (sottoscritta dal CentroSinistra) con oggetto "INCROCI PERICOLOSI: ponte veicolare tra l'Alzaia Naviglio Pavese e via Chiesa Rossa all'altezza della Conca Fallata (richiesta di dissuasori di velocità e marciapiede)" --- ricorda di aver chiesto copia della delibera approvata dal Consiglio Comunale sugli aumenti delle tariffe degli impianti sportivi comunali (che per altro è stata consegnata poco prima al tavolo della presidenza dal consigliere Camilleri (LN)).

Pioli (LDP): legge una ORDINE DEL GIORNO (sottoscritta dal CentroSinistra) con oggetto "Solidarietà a Paolo Mieli per le scritte antisemite e per l'incarico rifiutato in Rai"

Rusconi (AN): premette di essere contro la guerra e per la pace, ma questo non vuol dire che non si debbano fare rispettare le leggi e i regolamenti sull'esposizione delle bandiere nelle sedi istituzionali. Si lamenta per l'esposizione su alcuni banchi di bandiere e affini e ne chiede la rimozione.

Presidente del C.d.Z. 5: la normativa vigente è stata distribuita a tutti. Si è sempre adottato un comportamento tollerante come avviene a Palazzo Marino dove è permesso se le bandiere sono tenute indosso dai consiglieri.

[molti consiglieri provvedono a spostare gli adesivi della pace, precedentemente affissi sulle stanghe dei microfoni, sugli indumenti che hanno indosso]

Camilleri (LN): ): presenta una ISTANZA con oggetto "Via Broni e via Anconi: disturbo da parte di extracomunitari e nomadi" --- esprime sdegno contro le parole di Violante in Parlamento a proposito delle scritte contro Mieli attribuite a area leghista e aggiunge che "anche come magistrato aveva fatto accuse false".

Caime (FI): presenta una MOZIONE URGENTE con oggetto "Abusivismo nei mercati ambulanti scoperti"

Ferrari (FI): intervento solo verbale: annuncia che tra pochi giorni aprirà il sottopasso e la rampa di accesso all'autostrada di piazza Maggi. Con un anticipo di 6 mesi sui tempi previsti. Lo definisce un esempio di amministrazione efficiente.

Berti (PRC): presenta un DOCUMENTO (sottoscritta dal CentroSinistra) con oggetto "Critica all'atteggiamento del Governo Berlusconi su guerra/pace"

Muzzana (M): replica e critica gli interventi di Caime (FI) e Ferrari (FI) accusandoli di essere disinformati e impreparati.

De Allegri (DS): legge un DOCUMENTO con oggetto "Critica all'intervento del consigliere Camilleri (LN) nel C.d.Z. 5 del 6.03.2003 e a sostegno della bandiera della pace"

Berdot (DS): intervento solo verbale: sottolinea alcuni errori presenti sul numero di marzo di "Milano Nove" che dimostra di essere una spesa sempre più inutile --- legge il testo del manifesto dell'UNESCO sulla funzione delle biblioteche pubbliche come diffusori della pace e quindi chiarendo che in esse è possibile esporre bandiere della pace

[anche questa è una risposta all'intervento del consigliere Camilleri (LN) nel C.d.Z. 5 del 6.03.2003].

Ferrari (FI) (per fatto personale): replica a Muzzana (M) che ha ricordato che per piazza Maggi era stato approvato un progetto su due livelli senza il cavalcavia. Secondo Ferrari (FI) quello realizzato su tre livelli è meglio e non è un ecomostro.

Zolla (AN): presenta una MOZIONE URGENTE con oggetto "Richiesta di creare e-mail alle GEV del Gruppo 5" --- relaziona sulle attività svolte dalle GEV del Gruppo 5 nel 2002

Pessognelli (Pres. del C.d.Z. 5): propone di riprendere gli incontri del C.d.Z. 5 con le realtà presenti nella zona

Camilleri (LN) (per fatto personale): replica agli interventi di Berdot e De Allegri invitando quest'ultimo ad evitare di regalare calcolatrici ai presidenti di Commissione e di fare il saccente. Poi aggiunge: "piuttosto si compri un apparecchio acustico, visto che non ha risposto alle domande sulla guerra in Kossovo"

Detti (V): presenta una ISTANZA (sottoscritta dal CentroSinistra) con oggetto "Degrado ambientale in via Torricelli e via Conchetta"

Luccietto (FI): mozione d'ordine: chiede il rispetto dei tempi previsti dal Regolamento per lo spazio dei consiglieri, sono trascorsi 42 minuti e il regolamento ne prevede 30. Chiede inoltre un richiamo al consigliere Gandolfi perché non ha ancora tolto la bandiera della pace dal suo microfono.

Presidente del C.d.Z. 5: sui tempi il regolamento stabilisce che ci sono a disposizione non 30 ma 40 minuti, abbiamo quindi sforato solo di 2 minuti. Invita poi il consigliere Gandolfi a togliere la bandiera della pace.

Gandolfi (indip. di CentroSinistra): chiede dove sia "la bandiera" della pace, visto che in reltà si tratta di un adesivo con i colori della bandiera della pace.

[stacca l'adesivo e se lo mette sul cappello]

 

 

 

PROPOSTE DEL PRESIDENTE:

 

4 - Iscrizione Albo Zonale associazione Comitato quartiere Stadera, Savoia, Spaventa: il Presidente del C.d.Z. 5, A. Pessognelli (FI), illustra il punto.

Nessun intervento.

Si vota:

32 Favorevoli -- 0 Contrari -- 0 Astenuti

APPROVATO ALL'UNANIMITÀ

 

 

 

5 - Patrocinio gratuito all’Associazione Kataklo per lo spettacolo teatrale del 22.03.2003: il Presidente del C.d.Z. 5, A. Pessognelli (FI), illustra il punto.

Intervengono i consiglieri:

Fumagalli (M): ricorda di aver chiesto copia del contratto del Bando del Teatro, ma di non averla ancora ricevuta e rivendica il diritto del C.d.Z. 5 di essere informato. Poi chiede come mai dobbiamo votare un patrocinio gratuito se alla Kataklò è stata affidata la gestione del Teatro.

Marzocco (FI) Pres. Comm. Cultura (replica): ricorda che sul Teatro Ringhiera e sulla Kataklò è stata fatta una Commissione monotematica.

Si vota:

26 Favorevoli: FI, AN, LN, CCD, DS, Gandolfi (indip. di CentroSinistra), Villa (LDP)

0 Contrari:

7 Astenuti: PRC, PDCI, M, V, Berdot (DS), Pioli (LDP)

APPROVATO ALL'UNANIMITÀ

 

 

 

Luccietto (FI): vista l'ora tarda, chiede di anticipare la trattazione dei punti 9 e 10

De Allegri (DS): contrario alla proposta. Proprio per l'ora tarda è meglio discuterne con calma in testa al prossimo consiglio.

Rusconi (AN): chiede una sospensione del consiglio per una riunione di maggioranza

 

 

 

Il C.d.Z. 5 viene sospeso per una riunione di maggioranza

(dalle 23.54 alle 24.00)

 

Il C.d.Z. 5 riprende.

Appello: 32 presenti: 11 su 16 del centrosinistra / 21 su 25 del centrodestra

 

Si vota la richiesta di anticipare la trattazione dei punti 9 e 10:

21 Favorevoli -- 11 Contrari -- 0 Astenuti

APPROVATO

 

 

Il CentroSinistra abbandona l'aula per protesta.

[al momento in cui il CentroSinistra abbandona l'aula sono presenti solo 21 consiglieri di maggioranza e non c'è il numero legale. Tuttavia non viene fatta la verifica del numero legale perché se qualche consigliere di minoranza la chiedesse sarebbe costretto a rimanere in aula. Si prosegue quindi col dibattito sul punto 9 e nel frattempo la maggioranza fa tornare in aula il consigliere Pennisi (FI) recuperando quindi a pieno il numero legale. Non essendo presente ai lavori del consiglio non posso relazionarli. Si suppone che siano tati portati a termine.]

 

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail