a cura di Luca Gandolfi

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 03/07/2003

 

inizio effettivo alle ore: 19.52

 

Appello: 33 presenti: 15 su 16 del centrosinistra / 18 su 25 del centrodestra

(altri arrivano nel corso della seduta)

 

Il Presidente nomina gli scrutatori: Scarcella (FI), Camilleri (LN), Trimboli (PDCI)

 

 

 

II° Convocazione:

 

1 - ex punto 8 della seduta del 26/06/2003: Programmazione 3° trimestre 2003 MAAP – Commissione COMMERCIO. Immediatamente eseguibile:

 

Presidente del C.d.Z. 5: ricorda che la trattazione del punto era già iniziata, era terminato il dibattito ed erano stati presentati 11 emendamenti. Nel frattempo è stato corretto l'errore di battitura e in delibera compare il luogo dove si svolgono le attività.

Fumagalli (M): il luogo rimane vago e non è sufficiente a chiarire la questione posta.

Presidente del C.d.Z. 5: per quanto concerne gli 11 emendamenti solo quattro sono stati dichiarati ammissibili:

- emendamento n° 1 di Berti (PRC)

- emendamento n° 2 di Rapillo (M)

- emendamento n° 5 di De Allegri (DS)

- emendamento n° 6 di De Allegri (DS)

 

emendamento n° 1 di Berti (PRC):

Berti (PRC) (relatore): la delibera è stata fatta da Caime tanto per fare. È uno spreco di soldi. Inoltre le cifre stanziate sono insufficienti per fare dei corsi seri. Quindi si chiede o di sopprimere i corsi o di aumentare gli stanziamenti.

Dibattito - intervengono i consiglieri:

Rapillo (M): le iniziative erano di competenza di altre Commissioni. I soldi stanziati sono insufficienti e quindi inutili. La Commissione Commercio non ha fatto una vera programmazione. bisogna usare meglio i soldi.

De Allegri (DS): la delibera è incompleta. 300 euro sono insufficienti. Chiede se sia possibile fare uno strappo ai regolamenti per consentire ai cittadini presenti di intervenire. Chiede inoltre una sospensione del C.d.Z. al termine del punto per una riunione di minoranza.

[sono presenti in aula circa 100 cittadini per la questione della RSA al Gratosoglio.]

Presidente del C.d.Z. 5: ok per la sospensione del C.d.Z. al termine del punto per una riunione di minoranza. Per la parola ai cittadini bisogna attendere che siano esauriti i punti rimasti da trattare al termine del passato Consiglio (cioè i punti ora numerati con i numeri 1, 2, 3)

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): come sottolineava Fumagalli poco prima, il problema del "luogo" non può ritenersi risolto dalla generica dicitura "in uno spazio agibile della Zona 5"; pertanto il problema formale rimane. Spiega ai cittadini presenti che staremmo trattando la "Programmazione del 3° trimestre della Commissione Commercio" una definizione pomposa che in realtà consiste solo in 300 euro per un corso di composizione floreale e 600 euro per un corso di restauro mobili. Ciò denota una programmazione inesistente. Chiede inoltre che si precisi in quante sedute si svolgano i corsi e quanti saranno i cittadini che vi potranno partecipare.

Fumagalli (M): chiede che sia anticipato lo spazio per gli interventi dei cittadini perché altrimenti dovranno attendere la discussione di tre delibere di programma che per essere adeguatamente affrontate richiedono tempi lunghi. La delibera in questione è sommaria e va bocciata. Il luogo dove si svolgono i corsi rimane troppo vago.

Berdot (DS): i finanziamenti e le iniziative sono fatti tanto per fare, non è vera programmazione.

Pioli (LDP): chiede di lasciare subito lo spazio ai cittadini per parlare. La delibera è inutile e uno spreco. Chiede a Caime (FI) Pres. Comm. Commercio di ritirare la delibera.

Pavoni (DS): chiede di dare la parola subito ai cittadini e che il C.d.Z. si pronunci sulla questione.

Armanini (PRC): le Giunte Albertini non hanno dato sufficienti poteri ai Consigli di Zona. La delibera è vaga e chiede che venga ritirata.

Caime (FI) Pres. Comm. Commercio: i due corsi si svolgono su 7 incontri. Il corso per il restauro di mobili antichi è importante per mantenere in vita un'attività artigianale. Il corso di composizione floreale è per le donne della zona 5 [ma non riesce a trovare il luogo dove si svolge].

Berti (PRC) (relatore) (replica): l'emendamento era solo sul corso di composizione floreale e apprende ora da Caime che tale corso è solo per donne e non come detto in delibera "rivolto ai residenti in zona 5". Pertanto era doveroso che se ne occupasse la Commissione che tratta il CAMD (Centro Azione Milano Donna)

Si vota l'emendamento n° 1 di Berti (PRC):

15 Favorevoli (DS, M, PRC, LDP, V, PDCI, Gandolfi)

22 Contrari (FI, AN, LN, CCD)

0 Astenuti

RESPINTO

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: per quanto riguarda la questione della richiesta di fare intervenire subito i cittadini, i regolamenti non lo consentono. In ogni caso potrebbe essere possibile alla fine di questo punto 1.

 

 

Il C.d.Z. 5 è sospeso per una riunione di minoranza

(dalle 20.46 alle 21.03)

Il C.d.Z. 5 riprende alle 21.03

 

Appello: 34 presenti: 14 su 16 del centrosinistra / 20 su 25 del centrodestra

 

Presidente del C.d.Z. 5: dopo la fine del punto 1 consente l'intervento di un cittadino per spiegare i motivi della loro presenza in aula.

De Allegri (DS): si compiace che abbia prevalso il buon senso di consentire l'intervento dei cittadini. Per accelerare i tempi il CentroSinistra ha deciso di ritirare subito gli emendamenti rimasti.

[i consiglieri firmatari degli emendamenti confermano il ritiro degli emendamenti]

 

Si vota la delibera:

20 Favorevoli (FI, AN, LN, CCD)

14 Contrari (DS, M, PRC, LDP, V, PDCI, Gandolfi)

0 Astenuti

APPROVATA

[la votazione viene ripetuta perché i due scrutatori di maggioranza Scarcella (FI) e Camilleri (LN) non erano presenti in aula e il Presidente li sostituisce quindi con Papa (FI) e Revelli (FI)]

 

 

 

INTERVENTI DEI CITTADINI:

G. Angiulli - sulla RSA Gratosoglio: oggi hanno iniziato a tagliare gli alberi e lo hanno fatto in malo modo con una ruspa. I cittadini hanno protestato e impedito che lo scempio proseguisse. I lavori sono stati sospesi nel pomeriggio. I cittadini sono pronti ad andare avanti anche per vie legali come forma di impegno morale e politico per salvare questa area di verde al Gratosoglio. I cittadini chiedono che il C.d.Z. 5 si impegni per trovare una soluzione.

 

 

 

I° Convocazione:

 

2 - ex punto 9 seduta del 26/06/2003: Programmazione 3° trimestre 2003 Commissione SANITÀ, ANZIANI, CTS, CAMD. Immediatamente eseguibile: Il Pres. della Commissione, S. D'Ambrosio (AN), illustra il punto che prevede: 1) Corsi di ginnastica dolce e psicomotoria presso i CTS, spesa massima 780,00 euro, IVA compresa; 2) Corso antiaggressione per le donne (iniziativa del CAMD), spesa massima 84,00 euro, IVA compresa per le prime 2 lezioni di un ciclo più ampio; 3) Gita per gli anziani alla Basilica di Superga a Torino, spesa massima 650,00 euro, IVA compresa; 4) Festa estiva dei CTS a settembre presso il CTS Verro (due giorni), spesa massima 1800,00 euro, IVA compresa.

La Commissione ha dato PARERE FAVOREVOLE.

Dibattito - intervengono i consiglieri:

Rapillo (M): chiede di specificare per quante persone siano le iniziative 1, 2, 3. Propone un emendamento al punto 3.

Fumagalli (M): chiede maggiori specificazioni sui vari punti e chiede che venga messo in delibera in modo esplicito quali saranno le associazioni che beneficeranno delle iniziative

Presidente del C.d.Z. 5: interviene per chiarire che l'attuale legislazione purtroppo lo impedisce

Fumagalli (M): è la politica che deve decidere, non la parte amministrativa

Gandolfi (indipendente di CentroSinistra): il corso di ginnastica dolce è molto richiesto nei CTS e vi sono anche delle lunghe liste d'attesa. Il corso era già iniziato con quasi due mesi di ritardo a febbraio. Ora spera che si dia rapidamente attuazione al proseguimento del corso senza interruzione nella sua continuità. La ginnastica dolce per anziani è un corso necessario, importante e va approvato subito. Fumagalli chiede che sia esplicitato il nome dell'associazione beneficiaria, ma l'attuale legislazione (Art. 26 della Legge finanziaria) lo impedisce e prevede che dopo che il Consiglio ha deliberato una iniziativa con la relativa spesa gli uffici debbano chiedere 3 o 11 preventivi (a seconda dell'importo stanziato) ad altrettante associazioni. Questa legge, che certamente avrà la sua logica, crea però nell'ambito del C.d.Z. una situazione assurda. Secondo quanto stabilito dal centro, infatti, da quest'anno dobbiamo deliberare la programmazione per trimestri e le associazioni hanno delle scadenze ben precise per proporre le loro iniziative. Tuttavia hanno la garanzia di essere i beneficiari solo se l'iniziativa è "infungibile", concetto che non è ancora ben chiaro quando si applichi. In tutti gli altri casi dopo l'approvazione e la delibera del C.d.Z. gli uffici devono chiedere dei preventivi ad altri possibili organizzatori i quali però non hanno alcun vincolo di tempi per presentare la loro proposta e potrebbero quindi essere venuti a conoscenza della cifra proposta dall'associazione che ha fatto tutta la trafila in Commissione e poi in Consiglio e fare quindi un'offerta più bassa. Questo è un grosso problema e un grave controsenso che deve essere affrontato e risolto al più presto.

Presidente del C.d.Z. 5: concorda con l'intervento di Gandolfi: ha toccato un punto fondamentale e sarà utile rifletterci sopra per trovare dei correttivi.

De Allegri (DS): la delibera va bene. La prossima volta sarà bene che la D'Ambrosio aiuti Caime nel preparare la sua delibera. Presenta un emendamento aggiuntivo.

Berti (PRC): tutte le iniziative in delibera vanno bene, ma sarebbe stato meglio specificarle ancora di più.

D'Ambrosio (AN) Pres. Comm. (replica): le iniziative erano state approfondite in Commissione. Spiega e integra con altre informazioni. In commissione erano anche stato forniti i dati sulle frequenze dei corsi dei CTS e anche se non li ha con sé il corso di ginnastica dolce era il più seguito. Purtroppo ha ragione il consigliere Gandolfi nel sottolineare le contraddizioni create dalla normativa vigente che impedisce di mettere in delibera i nomi delle associazioni beneficiarie.

Presidente del C.d.Z. 5: ci sono 2 emendamenti: quello di Rapillo è inammissibile, mentre quello di De Allegri è ammissibile se si aggiunge la frase "senza aggravio di spesa" e se si specifica che è riferito solo alle iniziative 1, 2, 3; poiché la 4 ha già la pubblicizzazione.

D'Ambrosio (AN) Pres. Comm.: da parere favorevole all'emendamento De Allegri che chiede la pubblicizzazione delle iniziative.

 

Emendamento n°2 di De Allegri (DS):

nessun intervento.

Si vota l'emendamento n°2 di De Allegri (DS):

32 Favorevoli (Tutti) -- 0 Contrari -- 0 Astenuti

APPROVATO ALL'UNANIMITÀ

[i consiglieri Caime e Camilleri erano fuori dall'aula al momento del voto]

 

Si vota la delibera:

32 Favorevoli (Tutti) -- 0 Contrari -- 0 Astenuti

APPROVATO ALL'UNANIMITÀ

[i consiglieri Caime e Camilleri erano fuori dall'aula al momento del voto]

 

 

 

3 - ex punto 10 seduta del 26/06/2003: Programmazione 3° trimestre 2003 Commissione SPORT E TEMPO LIBERO. Immediatamente eseguibile: il Presidente del C.d.Z. lascia la parola al Presidente della Commissione Morelli (LN) che però è assente, la da quindi al Vice Presidente di Commissione, De Padua (FI), il quale però cede la parola al consigliere Camilleri (LN), il quale illustra il punto: concerto da tenersi presso l'isola pedonale sui Navigli nei primi giorni di settembre con la partecipazione dei gruppi musicali della Zona 5 reperiti tramite i CTS. Spesa massima prevista 2000,00 euro IVA compresa. La Commissione ha dato PARERE FAVOREVOLE.

[viene distribuita la copia di un emendamento presentato dal Presidente della Commissione che aumenta l'importo stanziato dai 2000,00 euro decisi in sede di Commissione, a 5000,00 euro.]

Berdot (DS): chiede la verifica del numero legale.

[nel frattempo il CentroSinistra abbandona l'aula, tranne la consigliera Berdot che deve essere presente in quanto ha richiesto la verifica]

 

sono presenti 21 consiglieri: cade il numero legale

i punti non trattati sono iscritti in testa al prossimo C.d.Z. 5 che si svolgerà il 10 luglio alle dalle 19.30 alle 22.30

 

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail