a cura di Luca Gandolfi

Iscriviti alla Newsletter e la riceverai gratuitamente nella tua E-mail

 

 

Resoconto del Consiglio di Zona 5 del 17/10/2002 straordinario e monotematico: la Zona 5 incontra i Lions Club

 

Quello odierno è un C.d.Z. straordinario e monotematico che ha come unico punto all'O.d.G.:

 

1 - incontro con il LIONS Club

Come specificato nell'O.d.G., "l'incontro costituisce per il C.d.Z. 5 l'inizio di un percorso che ci porterà ad incontrare quanto di più significativo si muove nella società civile e che interessa e potrà interessare la nostra Zona."

 

Appello: 30 presenti: 12 su 16 del centrosinistra / 18 su 25 del centrodestra

(altri arrivano nel corso della seduta)

 

 

Comunicazioni del Presidente del C.d.Z. 5:

a) informa il Consiglio che il consigliere Morana ha fornito la sua richiesta scritta di essere membro effettivo delle Commissioni Commercio; Cultura e Scuola; Urbanistica e T.T.V.; Casa.

 

 

 

Presidente del C.d.Z. 5: per quanto concerne la serata, i LIONS Club hanno proposto ai C.d.Z. di Milano la loro disponibilità ai effettuare una giornata in cui saranno offerte delle visite gratuite al fine della prevenzione del glaucoma. La giornata dovrebbe svolgersi tra la fine di novembre e i primi di dicembre 2002.

È intenzione del C.d.Z. 5 cercare di avere un incontro al mese con le realtà più importanti dell'associazionismo e della società civile che opera in zona.

I rappresentanti del LIONS Club presenti, il Dr. Camillo Franzini e il Dr. Giorgio Viganoni, illustreranno sia la proposta che la storia, le finalità e l'operato dei LINOS.

 

 

 

Franzini - Pres. Terza Circoscrizione LIONS Milano: è un LIONS dal 1995. Spiega il significato della parola LIONS che è una sigla per "Liberty Intelligence Safety Nations" e i LIONS sono nati nel 1918. Integra con altri cenni storici sui LIONS e spiega poi la struttura internazionale dell'organizzazione, gli scopi e le finalità che la guidano sintetizzati anche nel loro motto "we serve" (al servizio degli altri).

Viene distribuito ai consiglieri un opuscoletto "Organigramma distrettuale" che raccoglie le principali notizie sui LIONS.

Si dice lieto di essere qui per poter meglio comprendere come l'istituzione C.d.Z. operi sul territorio e si augura una collaborazione costruttiva al servizio dei cittadini.

 

 

Viganoni - Territorio Zona 5 LIONS Milano: in origine i LIONS erano nati con lo scopo di risolvere i problemi della vista, in seguito hanno esteso il loro campo di azione solidaristica.

Cita alcuni dati sull'operato dei LIONS per la lotta alla cecità ("Programma Sight First") da quando sono nati ad oggi:

- più di 36 milioni di persone curate e assistite per la cecità causata dalle acque infette dei fiumi

- più di 3 milioni di operazioni di cateratta eseguite

- circa 13.000 medici oculisti e infermieri formati e addestrati

L'operazione di prevenzione dal glaucoma è in atto anche in Perù, Cile e Paraguay e si sta concludendo la fase 1 in Cina, mentre per la fase 2 in questo paese sono stati stanziati finanziamenti per 15,5 milioni di dollari.

Nel mondo la campagna di prevenzione dal glaucoma "SightFirst" ha i seguenti dati statistici:

- 136,2 milioni di dollari di finanziamenti approvati

- 572 progetti approvati

- 78 paesi

- 3.261.014 interventi di cateratta eseguiti

- 36.152.605 cure per cecità da acque infette dei fiumi

- 136 ospedali per gli occhi costruiti o ampliati

e molto altro ancora.

L'impegno dei LIONS si estende però anche in molti altri campi, sempre con lo scopo di un impegno civico rivolto al servizio della cittadinanza e spazia dalla eliminazione delle barriere architettoniche, all'Orientamento Giovani nelle scuole, alla Università della Terza Età, all'organizzazione di convegni e altro ancora.

 

 

DIBATTITO

 

Interventi dei consiglieri:

 

Berti (PRC): chiede come mai solo dirigenti e liberi professionisti possono essere iscritti ai LIONS; e se i LIONS sono intervenuti anche per il monsone a Cuba l'anno scorso.

De Allegri (DS): contrario al capitalismo compassionevole e favorevole invece alla solidarietà e ai diritti per tutti. Alla comunità questo Consiglio di Zona costa circa 2.100 euro, meglio sarebbe stata un'Assemblea Pubblica.

Apuzzo (LDP): esprime ammirazione e rispetto per le azioni svolte in tutto il mondo dai Lions. Contesta però il fatto che i fondi vengano fatti transitare sui conti di una banca (la BNL) che risulta, secondo un rapporto ufficiale del Governo italiano, implicata nel traffico di armi internazionale. Chiede che associazioni importanti come i Lions, ma anche il WWF e Legambiente, siano più attente nella scelta delle banche.

Mondi (FI): chiede quali possibilità di intervento vi siano da parte dei Lions nei Centri Anziani.

D'Ambrosio (AN): ringrazia per la presenza e spiega che fino a questa sera per lei i Lions e il Rotary erano solo entità astratte, ora ha le idee più chiare sul loro operato. Come Presidente della Commissione Sanità della Zona 5 spera di poter sviluppare alcune idee e sinergie con i Lions, oltre a quella già prevista per il glaucoma.

Detti (V): chiede se i Lions abbiano mai fatto sovvenzioni o altri interventi in favore degli animali e se eventualmente sono disposti a farli in futuro.

 

 

Risposte dei LIONS:

 

Franzini - Pres. Terza Circoscrizione LIONS Milano:

risposta a Berti: il Lions è regolamentato da uno Statuto del 1918 e che nessuno ha mai cambiato. L'attività dei Lions è rivolta ha chi ha bisogno e anche se non ne è certo è convinto all'80% che i Lions siano intervenuti anche in favore della popolazione di Cuba per il monsone.

risposta a Mondi: i Lions hanno un comitato che segue le problematiche degli anziani. Hanno l'Università della Terza Età. Danno contributi a chi vuole aiutare gli altri.

risposta alla Detti: nel 1950 i Lions hanno fondato una associazione nazionale per fornire cani guida ai ciechi con un notevole impegno economico. Hanno anche una associazione nazionale di ippoterapia (cavalli per disabili) Non hanno però attività rivolte agli animali, ma solo con animali per le persone.

risposta alla D'Ambrosio: i Lions sono sempre lieti di collaborare con le istituzioni pubbliche o le associazioni per offrire o migliorare i servizi. I Lions forniscono idee e persone per i vari servizi, oltre ad avere creato una serie di associazioni finalizzate a servizi specifici.

Sottolinea che i Lions sono una associazione apolitica e areligiosa.

 

Viganoni - Territorio Zona 5 LIONS Milano:

risposta a De Allegri: chiarisce che i Lions fanno atti di solidarietà poiché è una associazione finalizzata al servizio di chi ha bisogno. Non è carità, ma è dare una mano senza offendere la dignità altrui.

risposta ad Apuzzo: non sa rispondere per quanto concerne la scelta della BNL come banca. Cercherà di informarsi.

 

 

Interventi dei consiglieri:

 

Zolla (AN): ringrazia i Lions per essere venuti e critica gli interventi critici verso i Lions. Legge le finalità e il codice etico dei Lions.

Zucco (FI): dice che inizialmente si sentiva in disagio per un C.d.Z. su un club snob, ma dalla conoscenza ha appreso elementi positivi ed è stata un'esperienza costruttiva. Chiede se i Lions hanno solo fondi propri o anche sovvenzioni dallo stato e, nel caso, quanti. La politica non può fare a meno di queste associazioni volte al bene dei cittadini.

Pavoni (DS): chiede che sia data una eguale opportunità ad altre associazioni a livello nazionale o internazionale. Riconosce la presenza di elementi positivi nelle finalità e nel codice etico dei Lions e sottolinea i valori laici in essi presenti, e chiede quindi le ragioni di una contraddizione: "La preghiera dei Lions". A chi è rivolta? Contraddice la laicità.

Presidente del C.d.Z. 5: conferma a Pavoni che questo incontro sarà seguito da altri incontri con associazioni e società civile.

Trimboli (PDCI): ringrazia i Lions. Qualsiasi contenuto sia finalizzato al bene dei cittadini è positivo. Si dice però preoccupato: non vorrebbe che si sostituisse al ruolo e ai doveri dello stato.

Berdot (DS): ringrazia per presenza e condivide intervento di Pavoni. Sottolinea però una contraddizione tra gli scopi lodevoli e il "classismo" che prevede che possano essere soci solo "liberi professionisti e dirigenti". Il C.d.Z. deve precisare l'intervento dei Lions in Zona 5.

Presidente del C.d.Z. 5: spiega che l'iniziativa di prevenzione al glaucoma si svolgerà in viale Tibaldi 41 nella sala sottostante quella del Consiglio. Il giorno preciso verrà precisato in seguito.

Marzocco (FI): ringrazia Lions per essere intervenuti. Li loda per le finalità. Pone domande tecniche e operative su quale tipo di intervento e collaborazione siano disposti a svolgere con in C.d.Z. 5. Chi finanzia chi? I Lions finanziano la zona? O il C.d.Z. finanzia i Lions? O la zona mette i locali e i Lions il servizio? Invita i Lions in Commissione Cultura per valutare insieme una collaborazione costruttiva.

Gandolfi (DS): Anche lui voleva porre le stesse domande tecniche appena poste da Marzocco. Ringrazia i Lions per loro presenza e si congratula per il lavoro che svolgono e le finalità condivisibili e lodevoli che li guidano. Trova però anacronistico il fatto che il club sia riservato solo ad una élite composta esclusivamente da dirigenti e liberi professionisti. Il fatto che il loro Statuto risalga al 1918 e che da allora non sia mai stato cambiato non vuol dire che debba restare immutato nei secoli. Ciò sta solo a testimoniare che è stato creato in un contesto storico, culturale, sociale e politico estremamente diverso da quello odierno, pertanto ritiene ormai inadeguata la regola elitaria e propone che si ragioni su una possibile riforma in senso più democratico dello Statuto e che i rappresentanti dei Lions oggi presenti in C.d.Z. 5 se ne facciano portavoce nelle sfere più alte dell'associazione.

Ferrari (FI): è geometra e non può entrare nei Lions, ma per lui è importante poter collaborare con i Lions. Il costo della serata è stato deciso e approvato dal Presidente del C.d.Z. e dai capigruppo, chi vuole può comunque devolvere il gettone in beneficenza. Gli sembra normale che una associazione che ha carattere internazionale si rivolga a banche che hanno sedi in tutto il mondo.

Rusconi (AN): (unico consigliere di zona 5 iscritto ai Lions) la serata è stata una importante opportunità di conoscenza reciproca. Fa notare che per quanto concerne la questione delle banche a pag. 15 dell'opuscolo c'è un capitolo sulla finanza etica. Loda anche la suddivisione dell'associazione dei Lions che ricopre la suddivisione del decentramento di Milano (cosa che la PM non ha ancora fatto).

 

 

Risposte dei LIONS:

 

Franzini - Pres. Terza Circoscrizione LIONS Milano:

risposta a Gandolfi, Berdot e altri: spiega che la limitazione ai soli dirigenti e liberi professionisti è dovuta alla quota di iscrizione annuale piuttosto cara che si aggira dal milione al milione e mezzo di vecchie lire. Accettano comunque la proposta di Gandolfi di porre la questione di una possibile riforma dello Statuto in senso più democratico dei requisiti di iscrizione ai Lions.

La quota così alta serve per finanziare le iniziative, pagare le spese, le cene e tutto il resto. Ogni club ha un suo service istituzionale e quando ci sono attività da finanziare il service può servire per raccogliere fondi.

risposta a Rusconi: lo ringrazia per aver ricordato la "fondazione Sforzesco" utile per garantire l'eticità dei finanziamenti/donazioni. Il 10% viene utilizzato per coprire le spese dei Lions.

 

Viganoni - Territorio Zona 5 LIONS Milano:

risposta a Marzocco: lieto di apprendere che si sta sviluppando una collaborazione con l'associazione Libro Parlato che fa parte dei Lions.

 

        

Luca Gandolfi - Dottore in Scienze Politiche

c/o Consiglio di Zona 5 - v.le Tibaldi 41  20136 Milano MI

E-Mail